CONDIVIDI
Indietro

Come è nata la Luna? Nascita, acqua e altri misteri lunari

7 giugno 2014

lunaROMA – La Luna, romantico e brillante punto nel cielo notturno, è il corpo celeste più prossimo alla Terra.
Fin dall’antichità il nostro satellite ha affascinato e incuriosito scienziati e amatori, ed è stato per molto tempo al centro dei più importanti studi scientifici.
Legata al mito di Diana, dea della caccia e alle altre divinità della magia e della saggezza, la Luna è quasi vecchia quanto la Terra stessa e possiede molto più di un solo lato oscuro.
Quanto più vicino è al nostro pianeta, tanto più siamo ancora lontani dal risolvere tutti i suoi misteri: con l’avanzamento della tecnologia è stato possibile studiare più a fondo il nostro vicino di casa, e alcuni dei segreti più appetitosi sembrano aver trovato finalmente (o quasi) una risposta.

1. LA NASCITA DELLA LUNA
La luna nata dalla Terra
La maggior parte degli scienziati ritiene valida la “Teoria dell’impatto gigante”, l’ipotesi secondo la quale la Luna sia nata da una gigantesca collisione.
Circa 4,5 miliardi di anni fa, quando una giovane Terra aveva “appena” 30 milioni di anni, Theia (nella mitologia antica la madre di Selene, la dea della Luna) un corpo celeste delle dimensioni di Marte, colpì il nostro pianeta.
I detriti rilasciati nello Spazio spinti dalla forza gravitazionale terrestre si uniro formando la Luna.
formazione luna

Da un recente studio sulle rocce lunari riportate negli anni ’70 dalle missioni Apollo, è emerso che la misurazione del rapporto tra isotopi di ossigeno, silicio, titanio, calcio, tungsteno e altri elementi conferma che un altro corpo ha giocato insieme alla Terra un ruolo fondamentale nella formazione lunare.

2. L’ACQUA SULLA LUNA
luna
Per molti anni è stato dibattuto la possibilità della presenza di acqua sulla Luna.
Con i nuovi studi dei campioni di rocce lunari raccolte dalle missioni Apollo è stato provato che non solo continua a esserci acqua sul nostro satellite, ma che in realtà c’è sempre stata.
Dopo aver esaminato i campioni con uno spettrometro, gli scienziati hanno scoperto che queste rocce contenevano 6 parti per milione di acqua.
Il ricercatore Youxue Zhang ha spiegato che “non è acqua ‘liquida’, quella che è stata misurata nel corso di questi studi, ma gruppi idrossilici distribuiti all’interno del minerale”.
I gruppi idrossilici rilevati sono la prova che l’interno lunare conteneva significative quantità di acqua durante lo stato fuso iniziale della Luna, prima che la crosta si solidificasse, e potrebbero aver giocato un ruolo chiave nello sviluppo dei basalti lunari.

3. IL CATACLISMA LUNARE
luna cratere copernico
La luna è stata scossa da una serie di devastanti impatti cosmici conosciuti come “cataclisma lunare” in un periodo compreso tra 4,2 a 3,8 miliardi di anni fa, che hanno scavato circa 50 bacini giganti ancora visibili sulla superficie lunare. Gli astronomi sospettano che l’evento si sia verificato quando le orbite di Giove e Saturno si sono spostate, e l’attrazione gravitazionale di questi pianeti giganti ha scagliato più asteroidi e comete nello spazio.
Tutti i pianeti interni probabilmente sono stati colpiti nella stessa epoca, come pure la Terra ha subito l’impatto stimato 25 o 30 volte più potente della Luna.

4. LA VITA SULLA LUNA
colonie sulla luna
Saremmo mai in grado di colonizzare la Luna?
La luna contiene risorse interessanti nei suoi minerali, compresi i metalli e l’ossigeno, ma non conteniene molto carbonio.
Coloni lunari potrebbe utilizzare l’acqua disponibile sulla luna per la sopravvivenza, ma quell’acqua potrebbe contenere miliardi di anni di segreti e sarebbe meglio studiarla che berla!
Al contrario, si potrebbero utilizzare l’idrogeno e l’ossigeno disponibili sulla luna per produrre acqua artificiale.

5. IL FUTURO DELLA LUNA
allontanamento della Luna
Non tutti forse sapranno che la Luna si allontana dalla Terra di circa 4 cm all’anno.
La dimostrazione è stata riscontrata nelle Eclissi Totale di Sole dove il nostro satellite risulta ogni volta leggermente più piccolo (non ad occhio ma con precise osservazioni astronomiche).
Se la Terra perdesse la Luna, tra le altre, farebbe la fine di Marte: senza un satellite stabilizzatore, durante la sua rotazione oscillerebbe intorno al proprio asse.
Per non parlare delle maree e delle conseguenze climatiche.