CONDIVIDI
Indietro

Le 7 malattie che trasformano un essere umano in ‘vampiro’

18 ottobre 2014

vampiri sangueROMA – Sono le creature più affascinanti e insieme più misteriose della letteratura e del cinema, incubo per molti, passione per altri.
I vampiri hanno attratto milioni di persone fin dall’origine della loro leggenda, un mito che in passato si è creduto reale.
In realtà, i nostri antenati non erano del tutto fuori strada.
Esistono numerose malattie a causa delle quali un essere umano è portato a comportarsi proprio come viene descritta una creatura della notte.
Non deve sorprenderci, quindi, che nei tempi passati, quando le nozioni mediche erano limitate, alcuni comportamenti venivano fraintesi.
Dall’intolleranza alla luce del Sole fino all’avversione per gli specchi, ecco 7 malattie che, in qualche misura, inducono la gente a comportarsi come i vampiri.


1. AVVERSIONE PER L’AGLIO
vampiri-aglio
A molti piace ad altri meno, ma per alcune persone l’aglio è un vero e proprio repellente naturale.
La paura di aglio, o alliumfobia, è una nevrosi che porta la gente a spaventarsi al solo pensiero della pianta bulbosa, sia esso in forma di spicchio o spruzzato su una pizza.
Basta essere in prossimità dell’aglio per scatenare un attacco di panico o ansia grave in una persona che soffre di questa rara fobia.

La leggenda che i vampiri siano respinti dall’ aglio deriva dal suo uso come metodo per allontanare gli spiriti maligni nei paesi slavi meridionali e in Romania.
Si credeva che coloro che si rifiutavano di mangiare aglio erano vampiri, e spicchi d’aglio venivano collocati nella bocca del defunto prima della sepoltura per evitare che si trasformasse in vampiro.

2. MORSO IMPAZZITO
vampiri
La Rabbia è una malattia che può avere alcuni sintomi simili a vampiri, tra cui il desiderio di mordere gli altri.
Il virus della rabbia attacca il sistema nervoso e può anche causare ipersensibilità alla luce del sole e ad altri stimoli visivi, come gli specchi.
La malattia fu chiamata così perché le persone che la contraggono spesso diventano deliranti, aggressive e soffrono di allucinazioni.

La Rabbia può colpire anche parti del cervello che controllano il sonno, con conseguente insonnia, insonnia notturna e ipersessualità, comportamento che nell’immaginario comune ricorda Nosferatu che striscia di soppiatto nella camera da letto di una fanciulla nel bel mezzo della notte.
I morsi di pipistrello, animale simbolo dei vampiri, sono la fonte più comune di una infezione da Rabbia.

3. AVVERSIONE PER GLI SPECCHI
vampiri
I vampiri sono raffigurati come essere invisibile in specchi, esiste una vera e propria malattia, l’Eisoptrofoobia, nota anche come catoptrofobia, che induce la gente ad averne paura. Questo può essere causato da un evento traumatico, o formata a seguito di profonde paure, come vedere come vedere un film horror che coinvolge specchi come un bambino. Per le persone con questo disturbo, la sola vista di uno specchio può portare a un attacco di ansia.

Alcuni malati di eisoptrofobia credono che guardando in uno specchio si invochi il soprannaturale, e alcuni pensano che qualcuno li stia guardando.
Altri ancora possono stare a guardare uno specchio per pochi secondi, perchè hanno la sensazione che la persona riflessa non sia davvero loro.

La leggendaria avversione dei vampiri per gli specchi risale al mito europeo, secondo il quale non si riflettono perché non hanno un’anima.
Non essere in grado di sopportare la vista di uno specchio è anche uno dei sintomi della rabbia, e alcuni credono che questo mito sia nato proprio durante un’epidemia di rabbia da volpe che ha avuto luogo in Europa nel 1700.

4. SETE DI SANGUE?
vampiri-sangue
Nel 1985, uno scienziato ha affermato di aver trovato un collegaamento tra il mito dei vampiri e una vera e propria malattia genetica del sangue, la porfiria.
Secondo il biochimico David Dolphin, le persone con porfiria sperimentano il desiderio di bere sangue umano per alleviare i loro sintomi (la malattia genetica provoca alterazioni dell’emoglobina, una proteina presente nei globuli rossi).
La sua teoria è stata successivamente smentita.

Tuttavia, uno dei sintomi reali della rara malattia è una sensibilità alla luce solare, con bolle che si formano sulla pelle in pochi minuti dopo l’esposizione.
Un altro vero sintomo è l’urina di colore rosso, e può spiegare perché, storicamente, le persone possono avere sospettato che i malati di porfiria bevevano sangue.

5. “CONTO” DRACULA
vampiri
L’Arithmomania è il bisogno ossessivo di contare le cose, e anche se poco conosciuto, è un mito profondamente radicato nei racconti di vampiri.
Per secoli si è creduto che oltre a aglio e croci, una difesa infallibile contro i vampiri era la matematica.
Per scoraggiare una creatura della notte, bisognava lanciavano una manciata di riso o di semi e scappare via, perché il vampiro non sarebbe stato in grado di riprendere la caccia fino a quando non avesse contato ogni singolo granello.
Durante il Medioevo, le persone gettavano i semi di papavero nelle bare dei propri cari prima di seppellirli in terra santa.

6. SFOGGIARE LE ZANNE
vampiri
La displasia ectodermica ipoidrotica è una malattia genetica rara che colpisce anche lo sviluppo dei denti.
In alcuni casi, molti dei denti della persona sono assenti, tranne i canini, che in effetti sembrano essere sporgenti.

Ogni essere umano ha i canini, i denti più acuti che sono utilizzati per mordere il cibo.
I vampiri sono stati raffigurati con anomale zanne da secoli, ma solo alla fine del 20° secolo sono stati immaginati con i denti retrattili.

7. BRUCIARE AL SOLE
vampiri
Una malattia genetica estremamente rara, xeroderma pigmentoso, o XP, rende il DNA di una persona non in grado di riparare efficacemente i danni causati dalla luce ultravioletta. Una su un milione di persone hanno il disordine negli Stati Uniti, secondo la Xeroderma pigmentoso Society (XPS).
Le persone con la XP sviluppano scottature gravi quando esposti a anche una piccola quantità di luce solare.
Mentre la gravità del disturbo varia, in casi estremi, l’esposizione alla luce solare è severamente vietato.

Quando una persona con XP è esposta alla luce diretta del sole, la pelle può sviluppare ferite crude sulla sua superficie.
Anche alcune illuminazioni interne, come ad esempio le lampadine a incandescenza, emettono raggi UV e devono essere evitate.
Altri sintomi di XP includono una sensibilità dell’occhio dolorosa al sole, facendoli diventare irritati e apparire iniettati di sangue, nonché un assottigliamento bianco lucido della pelle.