CONDIVIDI
Indietro

50 sfumature di grigio, scandalo nei cinema: sesso, autoerotismo e sex toys nelle sale

18 febbraio 2015

cinquanta sfumature di grigioROMA – Il fenomeno “50 sfumature di girgio” sta mietendo vittime in tutto il mondo.
Come prevedibile, l’usicta cinematografica ha scatenato una serie di scandali esplosi in “incidenti” a sfondo erotico proprio nelle sale.
Si sono verificati episodi di autoerotismo, sesso e aggressioni durante la poriezione della pellicola.
Sono stati rinvenuti in alcune sale anche preservativi usati.
Tre donne sono state arrestate in un cinema di Glasgow nel fine settimana a seguito di un presunto attacco a un uomo, reo di aver chiesto ai suoi aggressori di fare silenzio.

In un cinema alcuni spettatori sono arrivati indossando abiti in lattice, e uno ha anche chiesto se fornivano sex toys.
Il personale ha trovato ogni sorta di oggetti “erotici” nelle sale, compresi preservativi usati, maschere e manette.

50-sfumature-di-grigio

Un gruppo di donne sono state accompagnate fuori dalla sala, dopo che altri spettatori hanno esposto lamentele al personale.
Un operatore ha rivelato: “Si erano tolte scarpe e calze, legandosi quest’ultime intorno ai loro occhi per emulare una delle scene del film, e il pubblico si è lamentato sia dell’odore che dei gemiti che emettevano all’unisono”.

Negli Stati Uniti, dove i giovani possono guardare 50 sfumature di grigio se accompagnati da un adulto, sono accorse alla proiezione anche famiglie con bambini di 10 anni.
In un cinema un gruppo di madri ha cercato anche di comprare i biglietti per i figli di quattro anni.
Ovviamente, l’acquisto è stato negato.

In un cinema, un uomo ha eiaculato sulla poltrona durante la proiezione e una folla di 10 donne ubriache ha dovuto essere scortata fuori dalla platea.