CONDIVIDI
Indietro

I Simpson perdono il secondo ‘papà’: è morto Sam Simon

10 marzo 2015

ROMA – Sam Simon, il co-creatore dei Simpson e veterano del settore della televisione per oltre quattro decenni, è morto nella sua casa di Los Angeles domenica 8 marzo, dopo aver perso una lunga battaglia contro il cancro del colon-retto.
Aveva 59.
Nel 2012 gli venne diagnosticato un cancro terminale.
Simon lasciò i Simpson, dove lavorò come supervisore creativo, nel 1994, dopo quattro stagioni, collaborando a lanciare nel mondo il fenomeno dei “gialli”.
Ha contribuito a sviluppare il mondo di Springfield e dei suoi famosi abitanti, tanto che, anche dopo aver lasciato la serie oltre 22 anni fa, Simon è ancora accreditato come produttore esecutivo.

sam-simon-morto-co-creatore-simpson

Oltre alla sua carriera televisiva, Simon è un noto filantropo.
E’ stato il fondatore della The Sam Simon Foundation, un’associazione no profit per i diritti degli animali.
Gli ultimi anni li ha trascorsi in prima linea per la difesa degli animali, partecipandoa diversi progetti per salvarli dalla crudeltà.
L’ultimo caso mediatico riguarda il toro Benjy destinato all’abbattimento perché gay, a cui Simon, tramite la sua associazione, ha comprato un biglietto per la libertà.

In un’intervista con l’Associated Press nel 2013, Simon ha espresso il desiderio di spendere tutti i suoi soldi in beneficenza.
Nel 1987 è diventato scrittore e produttore esecutivo della sketch-comedy della Fox “The Tracey Ullman Show”, dove ha collaborato al fianco di James L. Brooks e Matt Groening.

sam-simon-morto-co-creatore-simpson

Questo trio è diventato poi il “padre fondatore” dei Simpson.
Simon è stato nominato supervisore creativo, e ha assunto in prima persona la sceneggiatura, così come la creazione di diversi cittadini di Springfield, tra cui il signor Burns e il dottor Hibbert.

“Non sono triste”, ha dichiarato Simon nel 2013, mentre combatteva una malattia che secondo i medici avrebbe avuto il sopravvento in pochi mesi. “Sono felice. Non mi sento arrabbiato e amareggiato. Voglio fare tutto il possibile per sopravvivere.”