CONDIVIDI
Indietro

USA e Russia insieme per una nuova stazione spaziale

28 marzo 2015

Iss_stazione spazialeROMA – NASA e Roscosmos hanno annunciato a sorpresa un piano per costruire insieme una nuova stazione spaziale, quando la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) andrà in pensione nel 2024.
Le due agenzia spaziali, rispettivamente americana e russa, hanno anche concordato per prolungare la vita della corrente ISS di quattro anni – era in scadenza nel 2020.
Il capo della Roscosmos, Igor Komarov ha detto ai giornalisti: “Abbiamo concordato che Roscosmos e Nasa lavoreranno insieme sul programma di una futura stazione spaziale.”
USA e Russia creeranno un nuovo set unificato di norme e sistemi di programmi spaziali, che Komarov ha definito “molto importante per le missioni e le stazioni future”.
E la nuova ISS è solo l’inizio.
Charles Bolden, direttore della NASA ha dichiarato che il fine ultimo è quello di lanciare una missione in tandem per portare l’uomo su Marte.
“La nostra area di cooperazione sarà Marte. Stiamo discutendo su come utilizzare al meglio le risorse, i soldi, stiamo impostando i tempi e distribuendo gli sforzi al fine di evitare duplicazioni” ha spiegato.
(LEGGI ANCHE: Dare una luna alla Luna: lo strano piano della NASA – VIDEO)

astrosamantha_iss

La notizia segue segue il successo del lancio della navicella Soyuz con equipaggio, che oggi si è agganciata alla ISS.
Il russo Mikhail Kornienko e l’americano Scott Kelly passeranno un anno lontani dalla Terra, mentre un altro astronauta russo Gennady Padalka tornerà tra sei mesi.
Al loro arrivo, dopo un viaggio di otto ore, il trio è stato abbracciato dagli attuali residenti della ISS Terry Virts e Anton Shkaplerov che, insieme alla nostra Samantha Cristoforetti, sono lì da novembre.

nasa-roscosmos-iss-stazione-spaziale

Questo è il primo tentativo per la NASA di una missione della durata di un anno, il doppio della durata del soggiorno standard sulla ISS.
Quattro russi hanno trascorso un anno o più nello Spazio, tutti a bordo della stazione Mir dell’Unione Sovietica.

Lo scopo della missione è quello di analizzare l’impatto fisico di una gravità prolungata.