CONDIVIDI
Indietro

Vuoi perdere la pancetta? Allora non saltare i pasti

25 maggio 2015

perdere-panciaROMA – Il vero alleato di una dieta è il cibo.
A dirlo è la scienza, che con un nuovo studio dimostra come saltare i pasti possa favorisca l’insorgere della “pancetta”.
Dalla ricerca, condotta dalla dottoressa Martha Belury della Ohio State University, è emersa una correlazione tra il digiuno e lo sviluppo dell’adipe addominale.
Per scoprirlo sono stati valutati alcuni risultati su topi in laboratorio.
Ad alcuni è stato somministrato un unico pasto al giorno, ad un altro gruppo, invece libero accesso al cibo, il tutto per una durata complessiva di 3 giorni.
I topi a digiuno – con metà delle calorie giornaliere – hanno perso inizialmente peso, ma nei 3 giorni successivi lo hanno riguadagnato aumentato l’adipe localizzato nell’addome.
Come si spiega?

perdere-pancia

“Se si vogliono diminuire le calorie meglio non saltare i pasti perché ciò provoca grandi fluttuazioni di insulina e glucosio nell’organismo e potrebbe tradursi in un guadagno anziché una perdita di peso” spiega la dott.ssa Belury.
I piccoli pasti durante la giornata possano essere utili per la perdita di peso, anche se questo potrebbe non essere pratico per molte persone.
Il consiglio quindi, è quello di distribuire le calorie giornaliere da assimilare durante la giornata, magari con piccoli spuntini ipocalorici tra un pasto e l’altro (questo è il periodo adatto per stuzzicare frutta fresca, finocchi e carote).

prova-costume

Un eccesso di questo adipe localizzato è associato a insulino-resistenza e il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiache.
Quindi se volete arrivare preparati alla prova costume, tenetelo a mente: saltare i pasti – oltre ad essere una sofferenza per mente, corpo e umore – fa venire la pancetta!