CONDIVIDI
Indietro

Sdentato, peloso e con i piedi palmati: l’uomo del futuro secondo la scienza

14 gennaio 2016

evoluzione uomo scienza

ROMA – Un domani tutto il genere umano potrebbe diventare un “mutante”, con branchie, piedi palmati e occhi di gatto.
Secondo lo scienziato Matthew Skinner, un paleoantropologo delll’Università del Kent, l’evoluzione sarebbe inevitabile per adattarsi ai cambiamenti climatici.
In particolar modo, il dottor Skinner ha calcolato quali sarebbero le nuove caratteristiche fisiche acquisite dall’uomo nell’eventualità di tre scenari: un mondo acquatico, la seconda era glaciale e la colonizzazione di un altro pianeta.

WATER WORLD

uomo evoluzione scienza

In un mondo acquatico, simile al Water World di Kevin Costner, l’essere umano svilupperebbe mani e piedi palmati per muoversi meglio oltre ad un paio di occhi simili a quelli dei gatti, con una membrana trasparente per proteggere l’occhio dall’acqua e favorire la visione nelle condizioni di ridotta illuminazione subacquea.
Potremmo sviluppare anche delle “branchie” artificiali per aiutarci nella respirazione, l’estrazione di ossigeno dall’acqua e la consegna al flusso sanguigno.

EXTRA-TERRESTRI

essere umano evoluzione
Nell’ipotesi in cui l’uomo riuscirà a colonizzare un pianeta, il corpo dovrebbe adattarsi ad una gravità diversa, probabilmente più bassa.
L’evoluzione comporterebbe quindi braccia più lunghe e gambe corte, perché in condizioni di scarsa gravità sarebbero necessari meno passi.
Come per gli oranghi, avranno più importanza gli arti superiori.
Potremmo sviluppare anche ”alluci opponibili”, perchè i nostri piedi diventerebbero importanti per prendere cose in bassa gravità.
Ci potrebbe essere anche una completa perdita di denti e una riduzione della mascella.
La bocca sarebbe più stretta perchè si adatterebbe a pasti come pillole o cibi liquidi assunti nei viaggi spaziali.
L’effetto complessivo è quello di farci sembrare più come i neonati, le cui bocche devono solo bisogno di deglutire.
Con una mancanza di predatori naturali, le dimensioni del corpo si ridurrebbero.
Si tratta di un fenomeno già visto in natura chiamato “nanismo insulare“.

L’ERA GLACIALE
essere umano evoluzione

Una seconda era glaciale comporterebbe che la nostra pelle diventerebbe più chiara per aiutarci a produrre più vitamina D da meno luce solare.
Avremmo più peli e capelli sul corpo per proteggerci dal freddo, e un fisico più muscoloso per procacciare le materie prime in condizioni estreme.
I nostri nasi e le dimensioni facciali aumenterebbero per aiutare l’aria fredda inalata a diventare più calda nel suo passaggio attraverso il naso.

evoluzione uomo scienza
Una cosa è comunque certa.
Per quanto estreme saranno le condizioni future, l’essere umano in qualche modo sarà sempre in grado di evolversi e sopravvivere.