CONDIVIDI
Indietro

Vibrazione fantasma, la nuova sindrome dei malati di tecnologia VIDEO

15 gennaio 2016

ROMA – Cambia la tecnologia e, inevitabilmente, cambiano i comportamenti umani. La nostra vita è così satura di tecnologia e dei suoi applicativi che anche il rapporto con il nostro corpo è cambiato tanto da dover registrare nuove patologie più o meno gravi ma indissolubilmente legate alla vita 3.0 Tra queste la ‘sindrome della vibrazione fantasma’, quella sensazione di sentire il cellulare per poi verificare che, in realtà, non c’è nessuna chiamata presente sul display. Una sensazione questa che in molti hanno provato almeno una volta e che oggi ha il suo fondamento scientifico grazie ad una ricerca della Georgia Tech. La ‘sindrome della vibrazione fantasma’ è, proprio, il tipico sintomo di come l’uomo sia sempre più dipendente dalla tecnologia mobile.

vibrazioneI risultati della ricerca sono stati affidati ad un video (quello che proponiamo) dove Robert Rosenberger, assistente di Filosofia nella School of Public Policy della Georgia Tech, spiega come “le ricerche hanno dimostrato che più del 90% delle persone hanno sperimentato questa allucinazione”. Sul perché ciò accada Rosenberger spiega che “alcuni pensano che le tecnologie in qualche modo stiano ‘riprogrammando’ il nostro cervello. Ma io credo che il miglior modo di spiegare il nostro rapporto con il telefono e con le altre tecnologie sia da ricercare nei processi di apprendimento e abitudine. Pensate al fatto di indossare gli occhiali: indossarli costantemente li fa diventare parte di voi, e potete scordarvi di indossarli qualche volta. Il telefono nelle vostre tasche è la stessa cosa: attraverso l’abitudine consolidata, il telefono diventa parte di voi, e voi avete imparato ad associare la vibrazione all’avviso di una chiamata o di un messaggio in arrivo. E proprio a causa di questo tipo di abitudine è molto facile fraintendere altre sensazioni simili. Il telefono si sposta nella tasca? Mi sta arrivando una chiamata. I pantaloni sfregano fra loro? Mi sta arrivando un messaggio. Hai uno spasmo muscolare della gamba? Di nuovo una chiamata in arrivo. Ma tutte le volte è solo una vibrazione fantasma…”

Cambiano quindi le nostre abitudini, la nostra quotidiana e anche le nostre piccole ossessioni. Quella della vibrazione fantasma, conclude Robert Rosenberger, è la stessa “che porta ad esempio le persone a controllare in continuazione la strada per capire se un amico sta arrivando o il pendolare a sforzarsi di sentire l’arrivo della metropolitana”.