CONDIVIDI
Indietro

Tempesta Jonas, quando la neve diventa killer

23 gennaio 2016

JonasROMA – La peggiore tempesta di neve di sempre. È quella che sta attraversando, in lungo e largo, la costa orientale degli Stati Uniti e che non accenna a placarsi, anzi, andrà peggiorando di ora in ora. Il suo picco lo toccherà, dopo 40 ore di abbondanti nevicate ininterrotte, alle 13 di oggi ora locale.

I numeri che si porta dietro Jonas, così è stata battezzata la tempesta, sono impressionanti. Al momento si contano già 8 morti, una cifra che secondo le autorità andrà inesorabilmente ad aumentare, 85 milioni le persone coinvolte, 10 gli Stati in piena emergenza – Georgia, Tennessee, Pennsylvania, Maryland, Kentucky, Nord Carolina, New Jersey, New York, Virginia e West Virginia -, oltre 7mila i voli aerei di linea cancellati.

I sindaci delle città hanno chiesto ai cittadini di limitare al massimo gli spostamenti e soprattutto hanno chiesto di ‘tenere d’occhio i vicini’, cioè di vigilare sulla sicurezza di chi ci sta intorno e per i senzatetto sono stati istituiti numeri di emergenza e diramato il ‘codice blu’. Chiunque, cioè, avvista una persona in difficoltà potrà contattare le autorità, indicandone la posizione, in modo che possa essere tratto in salvo. Nella sola Virginia la polizia ha già risposto a quasi mille chiamate di emergenza traendo in salvo 794 veicoli in panne.

new_york_jonas