CONDIVIDI
Indietro

50 sfumature di grigio, in prima tv tra censure e polemiche

25 gennaio 2016

ROMA – 50 sfumature di grigio ancora nell’occhio nel ciclone.
Questa volta il caso è stato sollevato dal Moige, contrario alla programmazione in prima serata su Canale 5.
“Questa non è televisione capace di esprimere rispetto verso le famiglie che ancora credono nel valore sociale e culturale della televisione, che utilizza concessioni pubbliche” – scrive in una nota Elisabetta Scala dell’ Osservatorio media del Moige – “Chiediamo alle aziende inserzioniste di ritirare gli spot da programmi lesivi e irrispettosi verso i nostri figli”.
Per le scene inadatte e i contenuti eticamente scorretti, il Movimento Italiano Genitori ritiene la scelta di Mediaset “decisamente lesiva verso i minori, che vengono televisivamente violati con una programmazione inadatta alla loro età nella prima serata di Canale 5, prevista per questa sera”.

50 sfumature di grigio trailer italiano

Tuttavia, anche i fan di 50 sfumature di grigio sono contrari alla prima serata.
Proprio per l’orario di programmazione, il film potrebbe subire netti tagli della censura, una sforbiciata più che giustificata se trasmesso in orario “protetto”.

50 sfumature di grigio è il primo film della trilogia cinematografica tratta dal best seller omonimo di E.L. James.
Fortemente criticato dai fan del romanzo per aver trattato in maniera troppo soft e superficiale i contenuti altamente erotici nella versione cartacea, il film è stato un successo clamoroso ai botteghini nel 2014.

50-sfumature-di-nero-christian-grey-sequel
E’ in lavorazione il sequel, 50 sfumature di nero, che vedrà l’uscita nei cinema nel febbraio del 2017.