CONDIVIDI
Indietro

“L’equazione del complotto”: arriva il calcolo per smentire una teoria cospirazionista

28 gennaio 2016

Dalla matematica l’equazione per provare una teoria del complotto

apollo-12

ROMA – Dall’allunaggio alla tragedia delle torri gemelle, alcuni degli eventi più significativi della storia dell’uomo hanno dato origine a numerose teorie del complotto.
Sono in molti a ritenere alcuni celebri episodi, strumenti nelle mani dei governi mondiali per controllare e soggiogare l’umanità.
Dietro ognuna di queste manipolazioni, sarebbero coinvolte numerose persone custodi di segreti indivulgabili.
Ma conoscendo l’essere umano, quanto potrebbe una persona in media riuscire a mantenere un segreto? E se le persone coinvolte fossero realmente così tante, quale sarebbe il rischio di far trapelare informazioni top secret?
Su queste basi, un ricercatore dell’Università di Oxford ha formulato un’equazione matematica in grado di verificare la veridicità di alcune delle più celebri teorie del complotto.

Il metodo del dottor David Grimes si riduce a varie cospirazioni di alto profilo semplicemente affrontando il rischio concreto di informazioni trapelate, se di proposito o per caso.
Grimes ha concluso che se tale “fuoriuscita” non ha luogo dopo un determinato periodo di tempo, la teoria della cospirazione probabilmente non è valida.

apollo 11 primo uomo sulla Luna

Grimes ha utilizzato lo sbarco sulla Luna del 1969 come esempio.
Alcune persone credono che la NASA abbia messo in scena l’allunaggio, ricostruendo gli ambienti lunari sulla Terra al fine di vincere la “corsa allo spazio” con l’Unione Sovietica.
La sua equazione ha suggerito, tuttavia, che se  l’atterraggio sulla Luna fosse stata una bufala, la verità sarebbe stata rivelata entro 3,7 anni.

Il calcolo

Il modello matematico fornisce la probabilità di successo delle teorie cospirative calcolando il numero di cospiratori coinvolti, il periodo di tempo e la possibilità che la verità trapeli da uno di questi cospiratori.
Secondo i calcoli di Grimes, lo sbarco sulla Luna, così come le cospirazioni sui cambiamenti climatici, richiederebbero circa 400.000 “custodi” ciascuno, la congiura delle vaccinazioni pericolose coinvolgerebbe 22.000 persone, e la cospirazione della cura del cancro comporterebbe oltre 710.000 persone.

Usando la sua equazione, Grimes ritiene che tutte e quattro queste cospirazioni – se fossero vere – sarebbero state rivelate dai tre ai quattro anni dopo la loro nascita.

complotto

Nello stesso modo, una teoria della cospirazione per avere successo ha bisogno di un limite assoluto di persone coinvolte.
Per una bufala programmata per durare almeno un decennio, meno di 1.000 persone possono essere coinvolte.
E per una bufala programmata per durare un secolo, meno di 125.

“L’equazione presentata potrebbe essere utile nel contrastare le conseguenze potenzialmente deleterie di racconti fasulli e anti-scienza, e per esaminare le condizioni ipotetiche in base alle quali alcune cospirazioni sostenibili potrebbero essere plausibili”, ha spiegato Grimes nel suo articolo, pubblicato sulla rivista PLoS ONE.