CONDIVIDI
Indietro

Il lato oscuro di Caronte nell’immagine “spettrale” di New Horizons

3 febbraio 2016

Caronte, la luna più grande di Plutone è protagonista del nuovo scatto mozzafiato di New Horizons

ROMA – Misterioso come il suo pianeta partner, il satellite Caronte è stato scoperto nel 1978, ma solo oggi gli esseri umani hanno potuto dare uno sguardo ravvicinato a questo mondo ghiacciato.
Il nuovo scatto di New Horizons ha svelato un lato nuovo della grande luna di Plutone, precisamente il suo “lato oscuro”.
L’immagine mozzafiato è stata scattata il 17 luglio 2015, tre giorni dopo il massimo avvicinamento della sonda a Plutone, l’epico flyby entrato nella storia.
Come la nostra Luna crescente, solo uno “spicchio” del satellite è illuminato dal Sole lontano, creando un’immagine quasi “spettrale”.

caronte new horizons

Il polo sud di Caronte, visto in cima alla fotografia, è entrato nella notte polare nel 1989, e l’alba non irromperà fino all’anno 2107.
Durante questa lunga notte, le temperature possono scendere fino allo zero assoluto.
Per molti anni, Plutone e le sue lune sono rimaste coperte nel più fitto mistero fino a quando New Horizons, che è stata lanciata nel 2006, ha raggiunto l’estremità del sistema solare per rivelare una grande quantità di informazioni sulla superficie e la composizione del pianeta nano , così come le sue piccole lune.
Caronte ha un diametro di circa 753 km, superando di gran lunga la dimensione di tutte le altre quattro – Notte, Idra, Cerbero e Stige.

plutone lune idra notte-caos

Il lavoro di New Horizons non è ancora finito.

Secondo i piani iniziali della NASA, la sonda avrebbe dovuto sorvolare l’asteroide 1994 JR1 dopo il suo incontro ravvicinato con Plutone.
Tuttavia, la missione è cambiata nel 2014, con la scoperta di 2014 MU69, diventato il nuovo target della sonda.
Come Plutone, MU69 orbita attorno al Sole nella fredda zona crepuscolare nota come Fascia di Kuiper.
Si pensa che l’asteroide sia almeno 10 volte più grande e 1.000 volte più massiccio dielle comete medie, ma appena l’1 per cento delle dimensioni di Plutone e forse un decimillesimo della sua massa.
Così il nuovo obiettivo è una buona via di mezzo, secondo gli scienziati.
Il flyby è previsto per il 1° gennaio 2019.


La fascia di Kuiper, gli “schizzi di sangue” del Sistema Solare.
La fascia di Kuiper è un anello di detriti ghiacciati orbitanti a più di 5 miliardi di km dal Sole.
Ci sono circa 33.000 oggetti di più di 60 metri di diametro nella cintura e tre pianeti nani, tra cui Plutone e le sue lune.
Si pensa sia il risultato di collisioni violente e caotiche che hanno portato alla formazione dei pianeti.

fascia di kuiper
L’astronomo Mike Brown, del Caltech di Pasadena in California, ha paragonato i detriti che compongono la fascia di Kuiper agli “schizzi di sangue” lasciati proprio da quegli impatti devastati.
Anche se appare relativamente tranquilla e stabile, è probabile che sia un luogo pericoloso per New Horizons perchè potrebbe nascondere invisibili detriti e rocce spaziali.