"Come gemelli nella placenta"
01 agosto 2012
come_gemelli_nella_placentaROMA - Un viaggio tra sogni, ricordi, poesia e musica che guidano il lettore attraverso una piacevole sensazione di evasione. Tutto questo è "Come gemelli nella placenta", il primo romanzo di Patrizia Marinelli, scrittrice romana emergente la cui passione per la scrittura è iniziata sin da bambina.

Il libro racconta la storia di Domiziana, una ragazza di buona famiglia, con una sensibilità che la porta ad osservare tutto e tutti dal suo piccolo mondo e a chiedersi il perché di ogni cosa. Da adolescente impara ad affrontare la vita grazie alla spinta della sorella, cresciuta con lei come fossero gemelle, che le permette di uscire dal guscio. In un vortice di cambiamenti, sesso e droga si affacciano precocemente nella sua vita, portandola a scontrarsi con dure realtà. Alcool, musica e scrittura l'aiutano ad evadere e a combattere le sue paure, finché qualcosa la conduce in Marocco.

"Scrivere il romanzo è stato come un torrente che ha iniziato a scendere dalle montagne - ha affermato la giovane scrittrice - una volta in corsa, è diventato sempre più grande e mi ha trascinata a mare. Ormai ero coinvolta e non potevo far altro che arrivare fino alla fine".

Edito da Aracne, il libro è stato presentato a Roma durante l'appuntamento Panta Rei Lab.
  • CONDIVIDI:




COMMENTI
RUBRICHE