Addio gesso, per le fratture ecco il fissatore osseo “spaziale”

Addio gesso, per le fratture ecco il fissatore osseo “spaziale”

Non solo Marte, non solo la Luna, non solo l’antimateria, i buchi neri, e le infinite domande dell’Universo. Lì su lavorano per noi, perché quel che funziona nello Spazio può cambiare la nostra vita sulla Terra. Quella di tutti i giorni. Si chiama trasferimento tecnologico, e si traduce nel downstream di tecnologie sviluppate per lo spazio verso il mercato terrestre. L’ultimo gioiello di questo settore in forte espansione è il fissatore osseo realizzato da DTM e Asi. l trasferimento tecnologico nel campo biomedicale del know-how spaziale è la diretta derivazione delle ricerche effettuate sulla Stazione Spaziale Internazionale. Ce ne parla Walter Piperno, responsabile PMI dell’Asi.


Nelle news: Dalle staminali ecco l’occhio di scorta – Così le avversità tolgono il respiro ai geni – Med in Italy, l’eco-casa attiva

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it