Lo spazio in plastilina, l’arte della comunicazione istituzionale

Lo spazio in plastilina, l’arte della comunicazione istituzionale

Su una luna pallida e rotonda, che richiama le visioni dell’illusionista e cineasta francese Georges Méliès, saltellano divertiti due riconoscibilissimi astronauti italiani in tuta arancione: Vittori e Nespoli. Li inquadra un occhio di bue teatrale che è in realtà, anzi in finzione, il punto di vista di un osservatore al cannocchiale: un antico Galileo Galilei che in un attimo si trasforma in un fantomatico – e anagrammatico – professor Leo Gali, all’interno di un confortevole ufficio moderno.
Siamo nella sede dell’Asi, e questo è lo spot che accompagnerà l’immagine dell’Agenzia spaziale negli eventi che vedranno protagonista lo spazio italiano nel mondo.
Si tratta di un esempio artistico di comunicazione istituzionale: 69 secondi realizzati da alcuni dei migliori professionisti del settore in Italia, con la tecnica dell’animazione di figure di plastilina in “stop motion”.

Ce ne parla Stefano Argentero – animatore di plastilina

Nelle News: Il tatuaggio cellulare – Aveva ragione Einstein – Il radar senza radiazioni




Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it