Ha iniziato a chiedermi cose che a me non piacciono...

Ha iniziato a chiedermi cose che a me non piacciono…

Buon giorno,
avrei bisogno di un consiglio se possibile rispondetemi il prima possibile. Da qualche mese sto con un ragzzo di 35 anni. Lui mi piace tantissimo e tutto andava bene, da qualsiasi punto di vista, però nei momenti di intimità ha iniziato a chiedermi cose che a me non piacciono, tra cui dirsi parolacce e poi una sera mi ha chiesto di fare un “bisogno” sulla sua schiena. Io ci sono rimasta malissimo anche ora che scrivo se ci ripenso la cosa mi fa veramente schifo. Secomdo me ha qualche problema da quel punto di vista ma lui dice che è un gioco!!! a me non piace proprio che devo fare lo mollo glielo dico e se poi lui mi dice che sono una ragazzina???

Lilli, 23 anni


Cara Lilli,
capiamo il tuo senso di smarrimento, i comportamenti che descrivi non sono propriamente usuali, ma non sono classificabili necessariamente come “patologici”.
Ogni condotta sessuale che possiamo consderare “deviante” rispetto a ciò che in una specifica cultura si intende per sessualità tradizionale, per essere definita “parafilia” (un atteggiamento ossessivo-compulsivo, stabile nel tempo, verso comportamenti o situazioni non direttamente connessi alle finalità riproduttive tipiche del sesso tradizionale), ha necessità di  causare un disagio significativo con compromissione dell’area sociale, lavorativa o di altri ambiti importanti della vita della persona.
Nell’area della sessualità, infatti, non ci sono regole rigide da seguire, ciò che davvero conta sono i desideri e le fantasie della coppia, nel rispetto reciproco di gusti e preferenze individuali.
Insomma, ci sembra di capire che, ciò che ti viene proposto dal partner, non è di tuo gradimento, quindi ti fa vivere un disagio e, probabilmente, una compromissione del desiderio e dell’intesa sessuale.
A questo punto, riteniamo che tu debba essere chiara e parlarne con il tuo compagno, è importante trovare un “vostro” modo di stare insieme, è possibile che anche lui possa scoprire nuove modalità di relazionarsi e di vivere la sessualità. Se non dovesse capire, significa che non è davvero pronto a starti accanto e di certo tu non puoi essere considerata una “ragazzina”, perché un rapporto è fatto di due persone e alla base di tutto ci deve essere il rispetto e l’accoglienza che vanno ricercate attraverso il dialogo e la sincerità. Prova a fare questo tentativo e, se vuoi, puoi tornare a scriverci.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it