Sono una maestra delle elementari, ed ho un dubbio rispetto ad un mio alunno...

Sono una maestra delle elementari, ed ho un dubbio rispetto ad un mio alunno…

Gentili esperti vorrei chiedervi un consiglio.
Sono una maestra delle elementari, ed ho un dubbio rispetto ad un mio alunno di seconda elementare. Sto notando che da un pò di tempo è più distratto e soprattutto più aggressivo con i suoi compagni. Ne ho parlato con la madre, con la quale ho sempre avuto un buon rapporto, ma lei dice di non essersi accorta di nulla e a casa è tranquillo come prima. Io però dopo due mesi vedo che ci sono sempre le stesse difficoltà a scuola sia con i compagni ed ora anche rispetto alla didattica. Ha peggiorato la sua scrittura, a volte illeggibile, inoltre è peggiorato anche nella lettura dove spesso fatica a seguire il segno e a volte non capisce quello che ha letto. Sono seriamente preoccupata anche perchè è sempre stato un bambino con piccole difficoltà ma adesso sembra proprio che siano peggiorate forse sarei dovuta intervenire prima con i genitori.
Cosa posso fare per aiutarlo a parte seguirlo in modo più attento in classe?

,

Cara maestra,
sembra che questo bambino stia manifestando un disagio che apparentemente esprime a scuola ma non a casa, a quanto affermato dalla madre. Spesso però dei segnali sono presenti anche nel contesto familiare a volte però in modo meno drastico e palese. Riteniamo che sia importante coinvolgere ulteriormente i genitori nelle problematiche presenti a scuola anche rispetto alla didattica, a volte capita che i bambini non sentendosi adeguati sul piano delle prestazioni provino una forte frustrazione e di conseguenza diventino anche più nervosi ed insofferenti; ma può accadere che un disagio emotivo influisca in modo negativo nelle prestazioni. Potrebbe suggerire ai genitori di rivolgersi a degli esperti anche e soprattutto per effettuare una valutazione degli apprendimenti. Solitamente tali valutazioni possono essere fatte a partire dalla fine della seconda elementare, e devono essere fatte in una struttura pubblica dove purtroppo le liste di attesa sono molto lunghe, per questo potrebbe suggerire ai genitori di fare da subito una richiesta di valutazione. Tale valutazione prenderà in esame non solo le prestazioni ma anche gli aspetti emotivo-affettivi, così sarà possibile avere un quadro completo delle difficoltà del bambino.
Sperando di esservi stati utili, la invitiamo nuovamente a scriverci per qualsiasi dubbio e perplessità.
Un caro saluto!
,Maestra elementare,15-03-2013,Info varie ed eventuali,scrittura

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it