Mi è capitato di fare circa 2 settimane di corsa in bici...

Mi è capitato di fare circa 2 settimane di corsa in bici…

Gentili esperti,
spesso o meglio diciamo mi e capitato un mese fa di fare circa due settimane di corsa in bici, non era proprio una corsa ma una passeggiata.. Non ho mai avuto dolori poi alla vagina, visto che ho la sedia della bici molto scomoda. Ieri ho fatto un’oretta di bici ma molto velocemente ed essendo scomodo il sedile credo di avermi fatto male alla vagina. In quanto sta mattina poco dopo essermi alzata mi faceva male ma solo se mi tocco. Mi fa male la pelle esterna del buco e qualche centimetro su vicino le labbra. Io uso l anello vaginale non credo sia causato da questo. Ieri e l altro ieri ho mangiato molto ananas e ho notato sta mattina il colore della pipì più scura anke prima, magari e dovuto da troppo ananas? Spero non sia nulla di preoccupante e k questo dolore scompaia al più presto perché mi spaventa molto.
Cordiali saluti e grazie in anticipo.,

Cara Jas,
il dolore che accusi sembra proprio dovuto al sellino della bicicletta, la parte dolente è la parte definita zona perineale. Il perineo è la fascia muscolare che avvolge dal basso la regione pelvica e gli organi che in essa hanno sede: il peso del corpo del ciclista ricade su questa delicata zona ed una attività intensa può provocare per la costante pressione e i microtraumatismi una riduzione della sensibilità della zona genitale, vulvovaginiti e cistiti, ma soprattutto indolenzimento per chi è agli inizi e manca di allenamento. Detto ciò quello che ti consigliamo, se hai intenzione di continuare con questo bellissimo sport, è di informarti, presso negozi specializzati, sulla possibilità di utilizzare selle adeguate che grazie alla loro conformazione minimizzino i traumi al perineo.
Per quanto riguarda le differenze di colore della pipì, spesso queste possono dipendere dal tipo di alimenti assunti.
Un caro saluto!

,Jas, 19 anni,06-06-2013,Corpo e salute,perineo

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it