Curiosity: un frammento tra una lama e un CD ripreso dalla mastcam

Curiosity: un frammento tra una lama e un CD ripreso dalla mastcam

Abbandonato Point Lake, il rover della NASA Curiosity continua il suo percorso a ritroso in direzione dello Shaler, un affioramento di lamine taglienti sovrapposte, che ha incuriosito gli scienziati fin dalle prime osservazioni, durante il viaggio di andata verso Yellowkinife Bay.

Tra gli ultimi sol pubblicati, il sol 309 (19 giugno 2013), la MastCam right del rover ha ripreso nuovamente un piccolo oggetto non contestualizzato.



Certo, non è la prima volta che qualcosa di diverso emerge dalle foto del rover: ricordiamo ad esempio, la strana formazione brillante del sol 173 e la piccola protuberanza curva del sol 198, ribattezzata il "Peperoncino di Marte".
Tuttavia, in questo caso, sembra che ci si trovi di fronte a qualcosa di analogo all’oggetto misterioso del sol 62, che tanto ha fatto parlare di sé in rete.

Dal panorama in apertura, è stato estrapolato il seguente dettaglio:



Le due immagini originali, le trovate ai seguenti link: 0309MR1275062000E1_DXXX0309MR1275061000E1_DXXX
Sembra in effetti, come era già accaduto, che possa trattarsi di qualche frammento del rover, dello Sky Crane o di altri componenti: ha una forma piuttosto regolare, non è ricoperto di polvere, è abbastanza brillante e potrebbe avere un foro nel mezzo.
Naturalmente, ci vorrebbe qualche scatto più ravvicinato per comprenderne meglio la natura e poter creare un anaglifo; avendo a disposizione un’altra visuale, un’immagine stereoscopica aiuterebbe a far chiarezza.
L’oggetto si trova a circa 4,8 metri dal rover.
Tuttavia, parliamo sempre di qualcosa di molto piccolo, circa 1,2 – 1,4 centimetri di diametro.
Infatti, l’area interessata era stata ripresa anche nel sol 308 con la Navigation Camera: NLB_424835583EDR_F0060646NCAM05134MNRB_424835583EDR_F0060646NCAM05134M
Così, grazie al software AlgorimancerPG, è stato possibile calcolarne la distanza e le dimensioni indicative.
Curiosity aveva già fotografato lo stesso posto durante il sol 121.
Dalla mappa si nota che il percorso di andata e quello seguito ora dal rover sono abbastanza vicini.
Il tratto in blu corrisponde alla guida tra il sol 308 e il 309.


Purtroppo però, almeno per il momento non siamo riusciti ad identificare lo stesso dettaglio negli scatti precedenti, sempre che sia visibile.

Questo piccolo oggetto potrebbe essere anche completamente naturale, un minerale particolarmente chiaro rispetto al resto. Ma finora l’ipotesi che ci sembra più appropriata è quella che possa essere un frammento della missione Mars Science Laboratory. [aliveuniverseimages]

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it