Il mio attuale ragazzo è stato l'unico che ho sentito esser finalmente giusto per me, e non lo mollerei mai e poi mai...

Il mio attuale ragazzo è stato l’unico che ho sentito esser finalmente giusto per me, e non lo mollerei mai e poi mai…

Buonasera dottori, avrei bisogno di un parere come dire… psicologico.
Sono stata con questo ragazzo un anno e mezzo. E’ stato il mio primo amore si può dire. La nostra storia è finita nel peggiore dei modi, sono stata io a mollarlo. E’ passato più di un anno e mezzo da allora. Ne conservo tuttavia un bel ricordo e se per assurdo tornasse da me io non lo rivorrei indietro. Perché secondo me i ricordi che ti restano di una storia, certo, sono quelli più belli, ma tutti i problemi, i difetti, le cose che ci facevano litigare dove li vogliamo mettere? Poi a distanza di un anno e mezzo ritengo che siamo entrambi cambiati e un sentimento non si può ricucire dopo così tanto tempo e poi ora sono innamorata del ragazzo con cui sto da un po’ di mesi. Dopo i ‘ceffi’ conosciuti dopo aver lasciato il mio ex, il mio attuale ragazzo è stato l’unico che ho sentito esser finalmente giusto per me, e non lo mollerei mai e poi mai. Mi sento come dire: al posto giusto, nel momento giusto e con la persona giusta, e spesso mi capita di mangiarmi le mani se penso che avrei potuto conoscerlo prima. Mi sarei risparmiata tante sofferenze inutili, tuttavia mi chiedo perchè quando le cose filano liscie io al mio ex non ci penso mai, lo ricordo solo superficialmente come un "bel periodo della mia vita". Mentre quando le cose vanno male… puff! Ci ripenso, e in quei momenti, non solo affogo nei ricordi belli di me e lui ai tempi (pur sapendo che quelli sono solo i belli, ma poi ce ne sono tanti altri brutti che hanno fatto sì che ci lasciassimo), e a volte piango anche pensando che non troverò mai più un ragazzo che mi ami tanto quanto lui, ma inizio anche a fare i confronti tra il mio ragazzo attuale e lui. Quando però risolvo il problema col mio ragazzo, eccolo che il mio ex puff! Risparisce. Allora realizzo che il mio ragazzo attuale è molto meglio del mio ex e mi ama molto di più, mi sento in colpa per gli stupidi pensieri fatti, dico a me stessa di non volerlo lasciare mai e poi mai e se casualmente ripenso all’ex mi piace continuare a vederlo come una "dolce parentesi della mia vita" che non ci tengo ad aprire perchè sono felice del mio presente col mio nuovo ragazzo. Ecco mi chiedevo, questa cosa è normale, oppure c’è qualcosa che non va? lo chiedo a voi che mi potrete dare un parere come dire ‘esterno’, poichè da alcune persone mi son sentita dire che allora non amo il mio ragazzo e bla bla bla , ma io non ritengo affatto di non amarlo. Più che altro mi sembra, nonostante l’amore che provo per lui, di idealizzare inconsciamente il mio passato, così come le persone che non sono più con me.

,Naty, 22 anni,28-06-2013,Relazioni di coppia,

Cara Naty,
la tua è una lunga riflessione che mette in luce diversi elementi: è come se avessi fatto le domande e avessi dato da sola le risposte. In altre parole, tu sei la persona che conosce meglio te stessa, la tua storia e i tuoi sentimenti… per questo sei tu che hai le risposte. Noi possiamo solo aiutarti a guardare le cose più obiettivamente, ma non sappiamo se sei veramente innamorata del tuo ragazzo e del perchè pensi, a volte, al tuo ex.
Certamente è abbastanza naturale pensare ad un’altra situazione proprio quando le cose vanno male, perchè spesso il ricordo viene anestetizzato e, in qualche modo, idealizzato, proprio perchè quella situazione è lontana e non tornerà mai più, per questo viene vissuta come una sorta di fuga dal reale.
Quello che possiamo dire è che bisogna distinguere tra ciò che si reputa giusto per il proprio benessere e la propria serenità e ciò che scuote a livello emotivo e perchè questo sfugge al controllo razionale. Con questo vogliamo dire che, dalla tua mail si capisce che il rapporto col tuo ex è finito per cause obiettivamente valide: lui ti faceva soffrire e c’erano spesso litigi… ma ciò non significa che hai smesso di provare dei sentimenti nei suoi confronti. Giusto? L’hai lasciato perchè ritenevi che fosse l’unica cosa da fare e probabilmente tornando indietro rifaresti la stessa cosa? Ma non puoi automaticamente "spegnere i sentimenti" solo perchè l’hai deciso razionalmente. Ciò non significa che di conseguenza non ami il tuo ragazzo attuale, probabilmente è solo un altro tipo di rapporto poggiato su basi diverse: stima, fiducia, rispetto, maturità ecc. piuttosto che passione, ambivalenza, ecc. E’ una questione di scelte razionali, ma le emozioni viaggiano su altri binari, sono libere e per fortuna è difficile dominarle completamente.
Se hai bisogno di ulteriori informazioni o chiarimenti non esitare a scriverci.
In bocca al lupo e buone vacanze!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it