Nessuno sa nulla di me specialmente il fatto che mi taglio...

Nessuno sa nulla di me specialmente il fatto che mi taglio…

Sono sempre stata una ragazza che si tiene tutti i suoi problemi per sé. Nessuno sa nulla di me specialmente il fatto che mi taglio. Ora lo faccio con meno frequenza perché sto cercando di venirne fuori. Ho delle buone amiche e le aiuto sempre con i loro problemi, a scuola ci rido e ci scherzo tranquillamente. Poi però arriva un momento in cui mi devo allontanare perché mi viene da piangere. Succede sempre così. Per esempio ieri dovevo rimanere di più a scuola ma ho passato il tempo a piangere in bagno senza nemmeno riuscire a entrare in classe. Perché succede questo? Ho qualche problema?,

Cara Anonima,
grazie per la fiducia che hai riposto in noi, speriamo di attenderla e di darti un po’ di conforto.
Il cutting (tagliarsi) è una modalità autolesionista molto diffusa, soprattutto tra gli adolescenti che vivono con molta difficoltà il proprio percorso di crescita e che trovano un modo alternativo, non funzionale, per dar voce al proprio malessere. È come se concentrando la propria attenzione sul dolore fisico ci si possa alleviare da un’angoscia interiore molto più intollerabile da gestire. Non sappiamo quale possa essere nel tuo caso il motivo che ti crea questo grande disagio interiore, ma siamo sicuri che hai le risorse per affrontarlo!
Già è un passo molto importante che tu ci abbia scritto, ma è necessario che tu ne parli con qualcuno di cui ti fidi per farti aiutare, siamo certi che dando voce al tuo dolore potrai imparare a conoscerlo e a dargli un senso, solo in questo modo potrai cominciare a stare meglio. A volte gli adulti e/o le persone che ci circondano non si rendono conto di quanto una persona stia male, sia perché non è facile capirlo, sia perché è doloroso prenderne atto. In tal senso, parlarne sarà necessario perché qualcuno si prenda carico della tua sofferenza e ti aiuti a intraprendere il percorso di sostegno adatto.
Se nella tua scuola è presente, potresti fare riferimento allo sportello d’ascolto, dove troverai una psicologa che potrà accogliere le tue difficoltà e le tue riflessioni e ti aiuterà ad affrontare il problema.
Inoltre anche i Consultori presenti in tutte le città, offrono la possibilità di fare colloqui con degli psicologi in modo gratuito e contando sul rispetto della privacy.
Valuta tutte queste possibilità e facci sapere cosa ne pensi, noi siamo qui.
Un caro saluto!

,Anonima, 14 anni,05-05-2014,Ansie, sogni paure e…,cutting

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it