Il mio ragazzo si stava mettendo il preservativo e si è accorto che era al contrario, perciò lo ha girato...

Il mio ragazzo si stava mettendo il preservativo e si è accorto che era al contrario, perciò lo ha girato…

Salve,
vi scrivo molto preoccupata in quanto verso il 12esimo giorno del ciclo mestruale ho avuto un rapporto protetto con profilattico. Il problema sta nel fatto che: il mio ragazzo si stava mettendo il preservativo e si è accorto che era al contrario, perciò lo ha girato e la parte di profilattico venuta a contatto con il suo pene è quella che, successivamente, è venuta a contatto con le mie pareti interne. Ho timore che il pene fosse “sporco” di liquido spermatico e che avesse, così, intaccato anche il preservativo. Inoltre, ci siamo accorti che un po’ di liquido spermatico (prodottosi durante il rapporto ) si è depositato sulle pareti del preservativo e non nel “cappuccio”. È possibile che con l’attrito, questo liquido sia sceso ed uscito dal preservativo? Premetto che il mio ragazzo non eiacula mai all interno, ma esce sempre. Oggi sono al 28esimo giorno di ciclo e da 3 giorni ho delle perdite rosastre e muco marroncino, oggi però anche del sangue che mi ha illusa un po’ in quanto pensavo iniziasse il ciclo invece nulla 🙁 sono perdite da impianto o solamente suggestione ? Sono veramente terrorizzata.
Inoltre ho dei mali tipo quelli delle mestruazioni.

Anonima


Cara Anonima,
se il tuo ragazzo ha messo il preservativo all’inizio del rapporto, quindi lontano dall’eiaculazione, è difficile che ci fossero degli spermatozoi. Inoltre l’eiaculazione è avvenuta esternamente.
Molto probabilmente le perdite che hai sono l’inizio del ciclo, ma ci possono essere dei fattori, come la forte tensione, che possono modificarlo un po’ o farlo tardare. Cerca di stare tranquilla e vedrai che a breve il ciclo arriverà. Se dovesse tardare ancora qualche giorno, fai un test per toglierti ogni dubbio.
Facci sapere come procedono le cose.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it