fotogallery

Il fascino di Venus, la gatta “chimera” con due facce

ROMA – Venus, la gatta chimera, è lo yin-yang dei felini.
Non è strano che sia diventata in breve tempo una star di internet.
La sua bellezza più unica che rara è dovuta ad una caratteristica genetica chiamata chimerismo, in cui un singolo organismo si compone di cellule geneticamente distinte che portano a variazioni di forma, due differenti tipi di sangue o entrambi gli organi maschili e femminili.
Nel caso di Venus, il chimerismo è evidente nelle sue caratteristiche facciali dual-color, tra cui i suoi occhi.

<
>

Il lato destro del suo volto è di colore nero con un occhio verde, mentre quelo sinistro è biondo dorato con un occhio di colore blu.

Le ‘due facce’ di Venus sono le caratteristiche che la rendono tanto magnetica quanto inquietante.
Mentre di solito scorriamo le immagini di felini che si nascondono dietro persiane, seduti in una scatola o colti a sonnecchiare, con la gatta chimera siamo costretti a guardare, quasi ipnotizzati, senza riuscire a distogliere lo sguardo.

Secondo la sua pagina Facebook, la storia di Venus è iniziata in una fattoria nel North Carolina.
Era una randagia che ha trovato una casa quando il suo proprietario l’ha presa con sè, perché sembrava un incrocio tra i due gatti che già aveva.

Una cosa è certa: se Botticelli fosse stato un gatto, Venus sarebbe stata la sua Venere.