esteri

Taggare qualcuno su Facebook è come parlarle. Donna rischia il carcere

facebook_2ROMA – La realtà però si è scontrata con una donna che adesso si trova in carcere a causa di un commento su Facebook. Maria Gonzalez era stata sottoposta ad un ordine restrittivo e per questo, non avrebbe dovuto contattare sua cognata, Maribel Calderon, per nessun motivo e in nessun modo, secondo quanto riportato dal New York Law Journal. Lei però non ha rispettato questa regola. Definendola “stupida”, Gonzalez ha taggato Calderon su Facebook scrivendo :”Tu e la tua famiglia siete tristi … dovreste essere più forti di così! Io sono passata oltre ma non credo voi abbiate fatto lo stesso!”

Questo ha violato l’ordine della corte perché taggare qualcuno su Facebook è considerato come una forma di comunicazione. Gonzalez potrebbe affrontare fino ad un anno di carcere per crimine di disprezzo. Il suo avvocato ha contrattaccato dicendo che l’ordine di restrizione non era specificatamente esteso anche alle comunicazioni di Facebook ma il giudice della Corte Suprema non è stato d’accordo. Susan Capeci, agendo nel Westchester County Supreme Court Justice afferma che l’ordine, che riporta la dicitura “apparecchi elettronici o simili”, include anche Facebook.

Fonte: http://metro.co.uk/2016/01/18/woman-faces-jail-for-tagging-someone-on-facebook-5629020/