fotogallery

New Horizons e il mistero delle colline “fluttuanti” su Plutone

Ancora un mistero per Plutone: la sonda della NASA New Horizons ha immortalato enigmatiche collinette che galleggiano nel “cuore” del pianeta nano

Plutone_New_Horizons (1)ROMA – Ancora un colpaccio per New Horizons.
La sonda della NASA continua a stupire con nuove scoperte su Plutone.
Nelle ultime immagini osservate dagli scienziati sono emerse misteriose colline “fluttuanti” all’interno del “cuore” del pianeta nano.
Sono piuttosto numerose e misurano da uno a diversi chilometri di larghezza.
Dalle prime analisi dei dati, potrebbe trattarsi di frammenti di acqua ghiacciata da altipiani circostanti di Plutone.
Le colline, che sono nella vasta pianura di ghiaccio informalmente chiamata Sputnik Planum, sono l’ennesimo esempio dell’affascinante e abbondante attività geologica sul pianeta nano.
Poiché l’acqua ghiacciata è meno densa dell’azoto ghiacciato che domina l’area, gli scienziati ritengono che queste colline stiano galleggiando in un mare di azoto ghiacciato e si muovono nel tempo come gli iceberg nell’oceano artico terrestre.
Le colline sono probabili frammenti delle regioni montagnose che si sono “rotte” e siano trasportate dai ghiacciai di azoto nella Sputnik Planum.
In questo modo si formano “catene” di colline alla deriva lungo i percorsi di flusso dei ghiacciai.
Quando le colline entrano nel centro della Sputnik Planum, diventano soggetti ai moti convettivi del ghiaccio di azoto, e vengono spinte ai confini, in cui si raggruppano formando una distesa di almeno 20 chilometri.

plutone colline

Colline di ghiaccio d’acqua su Plutone ‘galleggiano’ in un mare di azoto ghiacciato e si muovono nel tempo, come gli iceberg terrestri nell’ Oceano Artico. Un altro esempio dell’affascinante attività geologica di Plutone. Credits: NASA / JHUAPL / SWRI


All’estremità settentrionale dell’immagine, la zona informalmente chiamata Challenger Colles – in onore dell’equipaggio della navetta spaziale Challenger – sembra essere un accumulo particolarmente grande di queste colline, che misura 60 per 35 chilometri.
Questo agglomerato si trova vicino al confine con le alture e può rappresentare un luogo dove le colline sono state “tirate” a causa del ghiaccio di azoto particolarmente poco profondo.
L’immagine sopra mostra il riquadro nel contesto accanto ad una visione più ampia che copre la maggior parte dell’emisfero incontro di Plutone.

L’immagine è stata ottenuta da una distanza di circa 16.000 chilometri da Plutone, circa 12 minuti prima del massimo avvicinamento di New Horizons al pianeta nano il 14 luglio 2015.