fotogallery

1 gennaio 1970, la data che condanna a morte gli iPhone

Un invito che esorta gli utenti ad impostare come data 1 gennaio 1970 sul proprio dispositivo Apple nasconde un bug che “uccide” i tuo melafonino

ROMA – Apple lo ha ammesso.
A causa di un bug, se si imposta come data 1 gennaio 1970, il melafonino rischia di non funzionare più.
A quanto pare, un anonimo messaggio sta girando sul web (l’immagine di seguito), incoraggiando gli utenti a cambiare la data di sistema per attivare una speciale schermata retrò del Macintosh.
In realtà, non si tratta di un easter egg di Apple, ma di un modo per uccidere iPhone e iPad.
Il 1970 inoltre, non rappresenta niente: il Macintosh è stato lanciato un decennio dopo, così come Apple stessa.

iphone data 1 gennaio 1970 Apple bug

Oltretutto, il bug è architettato alla perfezione.
Anche le più rigorose procedure di ripristino – entrare in modalità DFU e sostituire il firmware del telefono – non sono state sufficiente per riportare l’iPhone ai tempi moderni.

Il bug sembra compromettere solo i dispositivi con chip a 64 bit, il che significa iPhone 5S, iPad Air, Mini iPad 2 e iPod Touch 2015 e più recenti.

A causa dell'”epidemia”, Apple stessa ha diffuso una nota spiegando agli utenti colpiti di portare il melafonino in uno store ufficiale per la sostituzione.
Tuttavia, sul web sono spuntate diverse soluzioni fai da te per risolvere il problema.
C’è chi sostiene che il bug cessi di funzionare dopo un po’ di giorni, ovvero quando l’orologio interno raggiunge una determinata data che varia a seconda del fuso orario; altri ancora sostengono che il sistema possa essere ripristinato esaurendo completamente la batteria.

Secondo il sito Ars Technica, il bug si verifica perché il 1 gennaio 1970, è il primo giorno del tempo Unix, come quello utilizzato dall’iPhone.
Impostare tale valore a zero, a quanto pare, provoca dei seri problemi ai dispositivi Apple.

Alla fine sembra essere giunta la soluzione finale.
La trovate passo passo in questo video.

Il consiglio come sempre è quello di verificare sempre ciò che si legge sul web.
In caso sia troppo tardi, se non siete esperti di tecnologia, recatevi in un Apple Store.