attualita

HUMAN. Il documentario di Yann Arthus-Bertrand al cinema

2 98dd30de7f_Human_A003_C002_082910editedRoma – Aprite l’agenda e bloccate una data tra il 29 febbraio e il 2 marzo: Human, il documentario del regista e fotografo francese Yann Arthus-Bertrand, arriva finalmente anche nelle sale cinematografiche italiane. Il film, proiettato fuori concorso nell’ultima edizione del Festival di Venezia e presentato all’ONU per celebrare i 70 anni delle Nazioni Unite, è un’impresa titanica: oltre 2mila interviste in 60 Paesi diversi, realizzate in anni di lavoro. Cosa vuol dire essere uomini? Sulla domanda che ci tormenta da millenni, il regista francese indaga senza aggiungere commenti: “Non è nelle statistiche, nelle analisi che ho cercato la risposta, ma nell’uomo. Per me che fotografo il pianeta è nei volti, negli sguardi, nelle parole che vedo un modo forte per approfondire l’animo umano. Non c’è niente di più forte di qualcuno che ti guarda dritto negli occhi e ti apre il suo cuore” ha detto Yann Arthus-Bertrand. 1 1000x550_video-human_i1feditedNel film si alternano straordinarie immagini aeree del pianeta in cui natura e umanità si fondono in fotografie suggestive del mondo di oggi, primissimi piani danno voce a chi spesso non ne ha. Il risultato, in oltre due ore di proiezione, è fortissimo: la pellicola emoziona, smuove le coscienze e provoca forti reazioni. Qual è il messaggio per il pianeta? Cos’è la vita e cos’è morte? Qual è la felicità e che vuol dire libertà? Domande di questo peso sono state rivolte a migliaia di persone, da Gaza a Lampedusa, dal Mali all’Ucraina, dalla Siria fino agli Stati Uniti. In un affresco di diverse umanità esce fuori, con forza, un gigantesco quadro che racconta quanto sia difficile vivere e sopravvivere a tutte le latitudini. L’insieme di volti e voci racconta lo spirito contemporaneo del genere umano e lo spettatore non può far altro che commuoversi, pensare ed entrare in relazione con altri esseri, apparentemente lontanissimi ma mai così vicini. Human è un film tanto politico quanto educativo, una pellicola per tutti, da vedere e rivedere; un invito a fermarsi, sentire e conoscere culture e condizioni sociali.