tech

Gli Snapglass potrebbero essere il nuovo prodotto di Snapchat

Futuristic smart glasses

Roma – Si pensa che l’applicazione di video messaggistica più famosa del momento, abbia deciso di assumere un team di professionisti specializzati nell’Augmented Reality (AR) e tecnologia indossabile, pronti a portare la compagnia ad un nuovo livello.

Correntemente valutata per 16 bilioni di dollari, Snapchat potrebbe avventurarsi nella tecnologia degli hardware, qualcosa simili ai Google Glass. Ciò che sappiamo è che il social network recentemente sta assumendo nuovo personale, incluso un ex ingaggiatore della Microsoft HoloLens, il che ci mostra un chiaro segnale dell’interesse di Snapchat per la tecnologia cosiddetta indossabile. Attualmente, Snapchat gode di un traffico giornaliero di 100 milioni, ed è chiaro che in qualche modo cerchi da sempre di competere con i giganti Facebook e Google che recentemente hanno acquisito rispettivamente, Oculus e Magic Leap.

Ultimamente, Snapchat ha deciso di fare squadra con esperti di ingegneria dei software specializzati nel computer vision. Nel 2014 in un’intervista per Forbes, Thomas Laffont aveva parlato del rapporto della compagnia con i devices AR. “Le persone ancora non hanno pensato all’uso di questi apparecchi collegati ai loro computers. Con un click puoi scattare una foto e con un altro ancora la puoi condividere. Ma immaginate quanto sarebbe difficile postare su Instagram una foto scattata con dei Google Glass.”

Le ricerche per quanto riguarda l’Augmented Reality stanno muovendo ancora i primi passi, con molte compagnie che stanno sperimentando e cercando di capire come questa tecnologia possa funzionare attraverso degli apparecchi che non sono ancora mai stati utilizzati. Comunque, se Snapchat stesse costruendo degli occhiali con tecnologia AR (cosa di cui siamo quasi certi), non dovremmo aspettare molto prima della presentazione di un apparecchio in grado di registrare e condividere qualsiasi cosa i nostri occhi siano in grado di guardare attraverso la piattaforma di Snapchat.

Fonte www.biztekmojo.com