Troppo tempo trascorso in ufficio può aumentare il rischio di malattie cardiache

lavoro pcRoma – Secondo un nuovo studio, lavorare per lungo tempo, può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. I ricercatori hanno analizzato dei dati provenienti da più di 1,900 persone, monitorate a lungo termine, scoprendo che il 43% era affetta da un problema ricollegabile a qualche malattia cardiovascolare come pressione alta, attacchi di cuore, malattie dell’arteria coronare. Tra gli impiegati a tempo pieno, il rischio cresce dell’1% a settimana per ogni ora aggiuntiva di lavoro.

Partendo da 46 ore, le ore aggiuntive di lavoro aumentano notevolmente i rischi di malattie cardiovascolari. Messi a confronto con coloro che lavorano 45 ore a settimana, i rischi di malattie cardiovascolari sono superiore del 16% nei pazienti che lavorano 55 ore a settimana e maggiori del 35% in coloro che lavorano 60 ore a settimana. Gli studi non si sono basati sui lavoratori part-time, secondo l’edizione di Marzo del Journal of Occupational and Environmental Medicine. I ricercatori, non sono riusciti a provare una vera e propria relazione di causa-effetto tra le ore lavorativa e l’aumento di malattie cardiovascolari. “Questo studio evidenzia dei dati su un lavoro svolto a lungo termine per molte ore, ciò che vogliamo si evinca da tutto ciò è un incremento verso la prevenzione, che potrebbe portare alla riduzione dei rischi di malattie cardiovascolari per milioni di lavoratori americani,” ha detto lo scienziato Sadie Conway.

Fonte www.upi.com

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it