esteri

I proprietari dei cani addestrati per essere aggressivi andranno incontro a pene ancora più severe

cane aggressivoRoma – Secondo le nuove linee guida esposte dai magistrati, i proprietari di questi cani killer andranno incontro a pene sempre più severe se il cane è stato addestrato per essere aggressivo. La persona proprietaria di un cane fuori controllo, che ne uccide un’altra, dovrà scontare tra i 6 e i 14 anni di prigione se giudicata “altamente colpevole”. Vengono definiti ‘altamente colpevoli’ coloro che usano il proprio cane come un’arma, il loro cane appartiene ad una specie vietata oppure il cane è stato addestrato per fare del male ed essere aggressivo.

Le nuove linee guida del Sentencing Council, seguono una modifica di legge avvenuta nel 2014 e includono un’estensione che copre quegli attacchi avvenuti in proprietà private. La pena più alta per un reato in cui una persona viene uccisa è aumentata da 2 a 14 anni. Le nuove linee guida si occupano di casi che vanno da un morso ad un attacco serio, cioè in grado di poter cambiare la vita di una persona.

Il Giudice Distrettuale, Richard Williams, membro del Sentencing Council ha detto: “Sappiamo che molti proprietari di cani sono più che responsabili, purtroppo però ce ne sono altrettanti che non lo sono, ponendo a rischio la vita di molte persone.” Malcolm Richardson, Presidente Nazionale dell’Associazione dei Magistrati, ha parlato di un aumento “considerevole” di questi casi e di quanto sia difficile la loro classificazione. Ha detto: “Proprio perché nessun caso è uguale ad un altro, i magistrati apprezzerebbero se potessero avere a disposizione una serie di linee guida e non una sola. Li aiuterebbe a svolgere meglio il loro lavoro e a infliggere le giuste pene.” Dallo scorso decennio il numero di persone che si sono recate in ospedale a causa dell’aggressione da parte di un cane è cresciuto del 76%. In Inghilterra e in Galles, negli ultimi dieci anni, 21 persone, inclusi 13 bambini sono morte a causa di aggressioni da parte di cani.

Fonte www.theguardian.com