fotogallery

Holoportation, Microsoft lancia il teletrasporto virtuale – VIDEO

ROMA – La fantascienza non è poi così “fanta”.
Microsoft Research ha presentato un nuovo metodo di comunicazione con il suo nuovo Holoportation, un sistema di realtà virtuale che grazie al visore Hololens “teletrasporta” una copia virtuale di un individuo da un luogo ad un altro.
Parlare di ologramma però è riduttivo.

“Immaginate di essere in grado di teletrasportarvi in qualsiasi luogo, con chiunque, in qualsiasi momento”.

Così Shahram Izadi, direttore di ricerca presso il Microsoft Research, spiega in una demo videoquello che il dispositivo di Microsoft Holoportation può fare per cambiare il nostro modo di comunicare.

La proiezione in 3D della persona non si limita a comparire come un semplice ologramma.
Si tratta di un reale teletrasporto virtuale che consente all’individuo di interagire con l’ambiente circostante.

Il visore HoloLens di Microsoft è necessario per poter vedere gli ologrammi in tempo reale in una stanza piena di telecamere 3D per avere l’esperienza completa.
Come spiega Izadi, infatti, non si può vedere la persona dall’altra parte senza aver indosso HoloLens.

Il team Interactive 3D Technologies (I3D) di Microsoft Research, è ancora al lavoro per fissare un paio di problemi e per rendere il dispositivo il più perfetto possibile.
Anche se il nuovo metodo di comunicazione non sarà disponibile con il rilascio del kit di sviluppo HoloLens, la tecnologia potrebbe essere rivelata in occasione del prossimo SIGGRAPH 2016 e CVPR 2016.

Oggi che la realtà virtuale è entrata nel nostro presente grazie a dispositivi come Oculus Rift di Facebook e PlayStation VR di Sony, Microsoft Holoportation porterà il concetto di virtuale su un altro livello.

Potrebbe essere solo questione di tempo prima che questi dispositivi di “teletrasporto” vrituale diventeranno un elettrodomestico alla pari di un televisore.

Che cos’è Hololens?

HoloLens è un visore per la realtà virtuale che, in connessione con la tecnologia Windows Holographic, proietta degli ologrammi in 3D “interattivi”.
Il dispositivo crea davanti a chi lo indossa un’immagine realistica che risponde ai gesti e ai comandi vocali, rilevati dalle telecamere e altri sensori.
Una realtà fantascientifica, che riporta alla mente Tom Cruise in Minority Report.
HoloLens è nato per esaltare le potenzialità del nuovo WIndows 10, ma le sue implicazioni vanno oltre.