attualita

Autismo, il mondo si tinge di blu per una settimana

ROMA – Il mondo per una settimana si tinge di blu. Il colore simbolo della sindrome di Kenner, meglio conosciuta come autismo, accenderà monumenti e luoghi simbolo del globo per manifestare e accrescere consapevolezza su una malattia che è cresciuta di dieci volte negli ultimi 40 anni. Così, l’Empire State Building di New York, la Willis Tower di Chicago, la CN Tower di Toronto, la Burjul Mamlakah – Kingdom Tower di Riyadh in Arabia Saudita, la Statua del Cristo Redentore a Rio de Janeiro: sono tanti  i luoghi che si tingeranno di blu in tutto il mondo per ospitare eventi di solidarietà e sostegno alle persone autistiche e le loro famiglie.
autismo campagna
Anche in Italia, in vista della giornata mondiale dell’autismo che si terrà il 2 Aprile, vi è un fitto calendario promosso dalla Fondazione per l’autismo Onlus (FIA) e consultabile sul sito della fondazione stessa www.fondazione-autismo.it. Ogni regione d’Italia si unirà in un unico grido, sostenuto anche da una campagna social con l’hashtag #SfidAutismo. Sensibilizzazione, informazione ma anche raccolta fondi attraverso la televisione e la radio con la Rai attore principale nel sostegno dell’iniziativa.
robert niro moglie
Accendere una luce è il motto di questa campagna, una luce che possa chiarire dubbi e distorsioni su un tema che non smette di creare dibattiti, talvolta anche molto accesi. È forse per questo che l’attore Robert DeNiro, padre di un ragazzo autistico, ha deciso di ritirare il docu – film “Vaxxed: from cover-up to catastrophe” (Vaccinati: dall’insabbiamento alla catastrofe) dal suo Tribeca Film Festival. La proiezione, che era prevista per il 24 Aprile, doveva, secondo l’attore, “fornire un’opportunità di discussione” ma i temi, decisamente controversi, del film (la connessione tra il vaccino trivalente e lo sviluppo della sindrome) non sono stati ritenuti adatti a un approfondimento o a una disccussione libera da pregiudizi.
I protagonisti di questa settimana rimangono, quindi, le persone autistiche, le loro difficoltà ma anche la loro possibilità di vivere una vita senza discriminazioni.