M’assopisco…

Lucia Barbagallo
Liceo Classico “G. Carducci” – Comiso(RG)

 

Il tramonto

sospiro amaro

di mestizia ignota;

nozze dei solstizi,

persiana socchiusa

sul latte materno

dell’Ade,

ove il coraggio

s’appresta a gemere

nell’ombra di inutili pianti!

È tempesta:

stridii di denti

tra i binari rosso sangue;

e stormi avari

dall’arcano dirigersi;

corvi di bugie

e sprazzi di speme

raccolta dai fedeli.

E la gondola

di Caronte,

immortale figura,

nera, oscura, dai fatali presagi!

Gli occhi sigillati

in un patto segreto.

Per la sola punta di riguardo,

di dignità:

fedeltà a lui non nego.

M’assopisco,

inconsapevole,

nella parvenza del certo;

e il mio esser desto,

al contempo,

riposa

nell’alveo in cui

il rispetto per sempre mi condanna!

Lucia Barbagallo II B Liceo Classico “G. Carducci” – Comiso(RG)