spettacolo

“Zona d’ombra – una scomoda verità (Concussion)” scritto e diretto da Peter Landesman

Will Smith, left, and Alec Baldwin star in Columbia Pictures' "Concussion."

ROMA – La pellicola, basata sull’articolo “Game Brain”del 2009 scritto da Jeanne Marie Laskas per la rivista “GQ”, racconta la vera storia di un medico che, con la sua scoperta, fece tremare una delle organizzazioni più potenti del mondo. Una battaglia indimenticabile tratta da una storia vera. Il medico in questione è Bennet Omalu (interpretato dall’attore statunitenseWill Smith, candidato due volte all’Oscar nella categoria ‘miglior attore protagonista’ nel 2002 e nel 2007, rispettivamente per “Alì” di Michael Mann e “La ricerca della felicità” di Gabriele Muccino ), il neuropatologo nigeriano che cercò in ogni modo di portare all’attenzione pubblica una sua importante scoperta: una malattia degenerativa del cervello che colpiva i giocatori di football vittime di ripetuti colpi subiti alla testa. Durante la sua ostinata ricerca, il medico tentò di smantellare lo status quo dell’ambiente sportivo che, per interessi politici ed economici, metteva consapevolmente a repentaglio la salute degli atleti.

zona d'ombra 2

Scheda tecnica: “Zona d’ombra” regia di Peter Landesman, cast: Will Smith (Dottor Bennet Omalu), Alec Baldwin (Dottor Julian Bailes), Luke Wilson (Commissario NFL Roger Goodell), Gugu Mbatha-Raw (Prema Mutiso) Arliss Howard (Joseph Maroon), Paul Reiser (Dottor Elliot Pellman), Eddie Marsan (Dottor Steven DeKosky); produzione: Scott Free Productions e Shuman Company; sceneggiatura: Peter Landesman; fotografia: Salvatore Totino; montaggio: William Goldenberg; distribuzione: Warner Bros; durata: 123 minuti.