esteri

Nel 2017 le lancette del Big Ben si fermeranno. Via al restauro

big ben 2ROMA – Le lancette del Big Ben presto si fermeranno. Lo ha deciso il Parlamento Britannico che ha ufficializzato i rumors che da tempo circolavano. Non c’è da preoccuparsi però, lo stop avverrà solo per tre anni: giusto il tempo di consentire la manutenzione e il restauro della torre. Al costo di 29 milioni di sterline (circa 37 milioni di euro) verrà ripristinata l’efficenza dell’orologio più famoso del mondo ma anche l’aspetto originale dei quadranti che verranno riportati  ai colori verde e oro risalenti all’età Vittoriana, poi sostituiti negli anni ’80 dal nero e oro. Come ha spiegato un portavoce del Parlamento, il Big Ben non rimarrà completamente fermo per tutta la durata dei lavori e i suoi rintocchi saranno mantenuti in occasione di eventi importanti. A essere restaurata sarà anche l’Elisabeth Tower, che ospita l’orologio, e il sottostante palazzo di Westminster che necessita di vasti e costosi lavori che dovrebbero durare più anni.

Sono state ben poche le volte in cui le campane sono rimaste in silenzio lungo i 157 anni di storia del Big Ben. Fra le pause più lunghe, quella nel 2007 durata sei settimane al fine di permettere i lavori di manutenzione, mentre nel 1976, dopo i gravi danni al meccanismo dell’orologio, lo stop dei rintocchi fu di nove mesi.
Il soprannome “Big Ben” originariamente si riferiva all’enorme campana da 13,5 tonnellate alloggiata nell’angolo nord-est della torre, ma in seguito è stato usato per indicare l’intero campanile divenuto uno dei simboli più riconoscibili di Londra. Non si hanno notizie certe riguardo all’origine del nome ma esistono due teorie in merito. La prima sostiene che il nome derivi da Sir Benjamin Hall, membro della Camera dei Comuni e, in qualità di ingegnere, supervisore dei lavori per la ricostruzione del palazzo di Westminster. La seconda sostiene, invece, che il nome derivi da quello del campione dei pesi massimi di pugilato Benjamin Caunt, che combattè il suo ultimo incontro nel 1857.