music and future

“Roma D’estate”, per Artù 5mila ascolti su Spotify in 7 giorni

Artù coverROMA – Grande successo per “Roma d’estate”, il nuovo singolo di Artù (nome d’arte di Alessio Dari) che a una settimana dalla sua uscita ha già raggiunto oltre 5mila ascolti sulla piattaforma musicale Spotify. Il brano, disponibile in radio e negli store digitali dal 22 aprile, presenta il punto di vista del giovane cantautore romano impegnato a raccontare la vita restando sospeso tra autenticità e ironia, conquistando l’ascoltatore fin dal primo ascolto grazie a un testo malinconico e pungente e ad una melodia trascinante. “Roma d’estate”, di cui a breve uscirà anche il videoclip, anticipa l’uscita del nuovo atteso album del cantautore che arriva a tre anni di distanza dal primo “Artù”.

Protagonista del testo è Roma, con i suoi vicoli, il caldo, le zanzare e la puzza di vino: “‘Roma d’estate’  è una canzone d’amore per la mia città – racconta –  ma come tutti i grandi amori sono tali proprio perché  ti fanno soffrire. Prima ti fa godere, ti fa innamorare, ti ammalia con la sua bellezza e santità, ma poi ti lascia e ti abbandona a te stesso. È come se sapesse di essere inarrivabile. Non vuole padroni nonostante tutti si sentano legittimati ad usarla, sfruttarla e saccheggiarla… Ma lei ne è consapevole e quando la sera scende il sole e l’acqua del Tevere diventa rossa, se la ride perché sa già come andrà a finire”.

Artù sembra un personaggio di un altro mondo, fuori dagli schemi, un cane sciolto, schietto e sincero, ma mai banale. Non ha peli sulla lingua e urla con ironia tutta la sua rabbia verso un mondo che non gli piace, ma che non riesce a non amare, cercando sempre di trasmettere nei suoi brani una luce di speranza. Perché alla fine, tutto passa.

Finalista del Festival “Musicultura” 2010, Artù nel corso degli anni è cresciuto musicalmente e professionalmente, esibendosi in contesti sempre più grandi e prestigiosi. Ospite di “Generazione XL” all’Auditorium Parco della Musica di Roma, nel 2012 suona al Teatro Parioli prima di Brunori Sas e all”Etruria Eco Festival in apertura allo show di Ascanio Celestini.