spettacolo

“The Original High”, Adam Lambert torna in Italia

ROMA – Adam Lambert torna in Italia, il 4 Maggio, per un’unica data evento del suo tour, messo in piedi per presentare il suo terzo album da solista, “The Original High”. Musica, creatività, talento e voglia di stupire: così Adam si prepara a far risuonare i suoi più grandi successi e i nuovi pezzi all’Alcatraz di Milano. Nei concerti, che toccheranno le principali città d’Europa, “metterò a frutto la mia esperienza nel teatro musicale e trasformerò lo show in una parabola emotiva. – ha annunciato il cantante – Si passerà dal buio alla luce. Le canzoni della prima parte tratteranno di problemi, lotte, ostacoli da superare. A metà concerto ci sarà un picco. E la conclusione sarà una celebrazione, una gran festa. I fan sono avvisati: farò canzoni che non mi hanno mai sentito cantare prima”.

adam lambert

“Sono molto orgoglioso di The Original High”, ha confessato, poi, a Tgcom Adam. Una gioia ripagata dai risultati ottenuti in poco meno di un anno dall’uscita negli store di tutto il mondo: due milioni e mezzo di copie vendute e più di 65 milioni di visualizzazioni su youtube per il primo singolo, “Gost Town”. “The Original High”, ha continuato il cantante, “è un disco elettronico, ispirato agli anni ’90, però tutte le canzoni sono costruite su una base suonata da strumenti naturali. È moderno e classico, sintetico e organico. E anche lo show sarà così”.

Quella di Adam Lambert è la storia di un ragazzo che ha battuto tutti i record, maturando come persona e come artista. Dalla medaglia d’argento ad American Idol, nel 2009 – che l’ha portato alla ribalta con “No Boundaries” – Adam ne ha fatta di strada. Abbandonati trucco pesante e look stravaganti del primo album, “For your Entertainment”, a spiccare sono state le sue performance dal grande impatto visivo e vocale. Poi la partecipazione a “Glee”, in cui ha esordito con una cover di “Marry The Night” di Lady Gaga, e tanti singoli di successo. Ma la soddisfazione più grande è arrivata con la consacrazione a nuovo frontman dei Queen, nella serie di concerti che hanno riportato la band a girare per il mondo. Da parte di Adam, non un tentativo di “scimmiottare” la voce di Freddy Mercury, ma un modo per omaggiare un’artista che ha influenzato abbondantemente la sua carriera.

adam lambert queen

“Era una collaborazione scritta nelle stelle”, ha dichiarato tempo fa Brian May che, insieme al batterista Roger Taylor, aveva notato Adam sin dai provini di American Idol, in cui il ragazzo si esibì con una sua versione di uno dei brani più famosi della band, “Bohemian Rapsody”. Una stima e una collaborazione, insomma, che è nata sin dall’inizio della carriera del cantante 34enne e che non accenna a momenti di crisi. Brian May è, infatti, ospite di “Lucy”, uno dei brani di “The Original High” e, per dimostrare la piena fiducia ad Adam, i vecchi mebri dei Queen non hanno esitato – in occasione del loro “Rock in Rio”, lo scorso Settembre – a mettere, per la prima volta nella loro setlist un brano del cantante, “Gost Town” per la precisione. “La scelta più ovvia sarebbe stata ‘Lucy’, ma volevamo fare qualcosa di più sorprendente. – ha raccontato Adam – È stato Brian a proporre ‘Ghost Town’. L’ho guardato stupefatto: ma sei sicuro, quella è una canzone dance?! E lui: tranquillo, m’è venuta un’idea. E così mi ha fatto ascoltare la sua versione, radicale e appropriata per i Queen”.

Adam Lambert tornerà in Italia proprio con i Queen il prossimo 25 Giugno, all’Anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta, in provincia di Padova.

https://www.youtube.com/watch?v=SMMDYwNCvzI