La nascita degli squali

Matteo Pierdonati
I.C. Sinopoli Ferrini – Roma

 

In origine, i primi animali sulla terra furono quelli acquatici, in particolare i pesci piranha, che sono pesci di acqua dolce lunghi dai 15 ai 25 cm e che possono arrivare anche a 40 cm. Con i loro denti molto affilati, erano i più cattivi, capaci di tranciare un amo con un solo colpo ed avevano un grande appetito per la carne;  attaccavano sempre i poveri pesciolini perché volevano avere il loro territorio, distruggendo così le loro dimore costruite con pazienza e fatica ed uccidendoli senza pensarci. Durante questi attacchi e se avevano la possibilità di sfuggire, i poveri pesci rimasti in vita, presi dalla disperazione, imploravano il loro re di scappare e lasciare il territorio, evitando così altre e successive stragi: ma lui, che era molto coraggioso e forte, non voleva arrendersi e così i piranha continuarono ad attaccare senza esitazione. Il più spietato e cattivo era proprio il figlio del re dei piranha, che era molto  scorbutico ma soprattutto prepotente con tutti e metteva in vista sempre i suoi denti aguzzi, pur di terrorizzare tutti. Tutti, tranne la principessa dei pesci, sempre molto gentile e aggraziata, di nome Leila, che aveva rapito il suo cuore. Era già qualche tempo che, nascondendosi da tutti, si incontravano e si erano dichiarati il loro amore ma avevano timore che i loro popoli non li avrebbero accettati e li avrebbero separati per sempre. Passò tanto tempo,  si resero conto che non potevano accettare un amore segreto e rifiutando di nascondersi, decisero una notte di scappare via,  insieme e uniti. Fecero un lungo viaggio fino a quando arrivarono nell’oceano, dove si sentirono liberi di poter vivere la loro vita ed il loro amore; costruirono la loro casa e furono accettati da tutti perché gli altri non conoscevano il loro passato. Nacquero due, figli che non erano pesci piranha e nemmeno pesci principi ma erano quelli che oggi noi chiamiamo squali: questi pescioni, che ancora oggi risultano molto aggressivi con gli esseri umani, sono però da sempre molto gentili con i loro simili.

MATTEO PIERDONATI  PRIMA A

IC SINOPOLI FERRINI ROMA