Mondavio arrivo!

Mondavio arrivo!

 

Mondavio arrivo! Appena arrivato rimango colpito dalla Rocca.

Una vera e unica bellezza di quella zona. La sua forma ottagonale bellissima. Vederla da fuori è una cosa straordinaria.

L’aria che tirava, abbelliva ancora di più quella giornata fino ad allora incredibile. Lo sviluppo sarebbe dipeso dall’interno della Rocca. Infatti non mi sbagliavo. Le spiegazioni della guida e i disegni sulle pareti delle stanze mi hanno trasportato nel Rinascimento. Quando ho visto la camera dove era rappresentato un banchetto, sono rimasto colpito dal gatto che saltava perché, essendo imbalsamato, pensavo fosse vero. Le statue delle persone erano incredibili.

Giù nella stalla e nella camera delle torture c’era un forte odore di muffa. In una stanza, ho visto armi e armature usate per attaccare e difendersi dai nemici. Le armature mi hanno fatto pensare ai videogiochi di combattimento. Ho immaginato l’ebbrezza provata in antichità nell’utilizzare quelle armi. Esse non potevano essere toccate ma già a vederle rimanevo stupito. Mi ha colpito la forma della balestra in muratura che si vede dall’alto, la firma dell’architetto della Rocca.

Al momento di ripartire da Mondavio, mi è venuta la tentazione di rimanere lì. All’arrivo a Casoli ho sentito la mancanza di una cittadina bellissima e straordinaria.

CANDELORO ANDREA

CLASSE 2^C SCUOLA SEC. DI I GRADO CASOLI

ISTITUTO COMPRENSIVO “G. DE PETRA” CASOLI – CH

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it