Stress da cattedra

Laura Cappelli Liceo Classico “Galileo” di Firenze

 

Scuola tedesca, oggi: prof più sani della media ma con molte più patologie psichiatriche… in altre parole, docenti “scoppiati”.
Anche la Germania, dopo la Francia e il Regno Unito, “scopre” lo stress degli insegnanti. I dati disponibili sono pochi, ma molto preoccupanti. Alcuni mesi fa, tre medici tedeschi si sono occupati di maestri e professori del proprio paese, pubblicando sulla rivista “Deutsches Arzteblatt International” un articolo sulla “salute dei docenti”.
La Francia, nel 2006, è stata la prima nazione europea a mettere a disposizione dei propri docenti, oltre al medico di base, anche uno psichiatra di base. Per fronteggiare la situazione ha perfino aperto un ospedale, il Marciel Rivière, dove vengono ricoverati i docenti con problemi psichiatrici. E non sono pochi…
In Germania si è scoperto che gli ottocentomila docenti in servizio negli anni 2011/2013 hanno condotto uno stile di vita più sano, al lavoro hanno fatto meno assenze per malattia rispetto alle persone che svolgono altri tipi di lavoro. Ma si ammalano di patologie psichiatriche molto più di tutti gli altri lavoratori. Secondo lo studio, i docenti tedeschi svolgono uno stile di vita più sano, ma hanno una tendenza all’ipertensione maggiore rispetto al resto della popolazione. Secondo l’articolo gli insegnanti risultano la categoria professionale più soggetta a patologie del sistema nervoso, manifestando sintomi come perdita di concentrazione, mal di testa, esaurimento psicofisico, irritabilità, insonnia, amnesia e aggressività. Talvolta anche diffidenza, formicolii alle mani, lacrimazione e arrossamento degli occhi. Il 50% di coloro che si ritirano dal lavoro in anticipo soffre di problemi psichici. La maggior parte sono donne. La ricerca, però, si spinge oltre il semplice studio del fenomeno e suggerisce alla politica una serie di interventi, come ad esempio l’attivazione di una rete di esperti (psicologi, psichiatri) che devono affiancare il metodo di base.
E in Italia siamo meno stressati? I primi studi sono stati condotti nel 2004 dal dottor Vittorio Lodolo D’Oria, il quale si accorse che l’incidenza della patologia psichiatrica tra i docenti era superiore a quella di qualsiasi altra categoria. Oggi gli studi italiani, condotti in Lombardia e Piemonte, rilevano che in media l’80% dei docenti ritenuti non più idonei a stare dietro la cattedra sono tali per cause psichiatriche.
Nella mia esperienza delle medie ho potuto assistere a ciò che ipotizzo possa trattarsi di “stress da cattedra”… è normale che a volte dei ragazzi di 12/13 anni facciano un po’ di confusione, giusto? Ed è normale che a riportare l’ordine sia il prof, no? Ecco, nella mia classe le cose non funzionavano proprio così: con i professori più “buoni” e gentili non c’era verso di fare lezione, non riuscivano a riprenderci seriamente e a volte è capitato pure che alcuni di loro si siano messi a piangere per la “disperazione”… altro che prof tedeschi, anche in Italia non si scherza sul fattore stress!

Laura Cappelli
Classe 1B – Liceo Classico “Galileo” di Firenze

2016-05-10T15:43:35+02:00