Gli alieni? Per gli astrofisici USA sono ai confini della galassia

Gli alieni? Per gli astrofisici USA sono ai confini della galassia

 

Avete presente la galassia lontana lontana di cui si parla tanto nei film della serie Star Wars? Vi siete mai posti la domanda “e se l’universo immaginato da George Lucas fosse reale? E se non fosse poi così tanto fantasioso?”
Beh, sembra proprio che la risposta a questa domanda sia arrivata: Rosanna Di Stefano, astrofisica all’Havard Smithsonian Center for Astrophysics di Cambridge, Massachussets, ha presentato le sue idee al riguardo nel corso del 227° meeting dell’Associazione Astronomica Americana (A.A.S.). Secondo lei, il posto migliore per trovare gli extraterrestri sarebbero gli ammassi globulari, agglomerati di stelle che si trovano appena fuori della nostra galassia. In base a dettagliate simulazioni al computer, la studiosa americana ha mostrato che, all’interno di questi ammassi di stelle, i pianeti possono sopravvivere per miliardi di anni! Le ha quindi definite ottime “culle” per lo sviluppo di forme di vita.
Questi ammassi globulari sono enormi ammassi stellari di forma all’incirca sferica, che si trovano nell’alone esterno della Via Lattea e di altre galassie. Si tratta di agglomerati stellari estremamente densi, che possono contenere centinaia di migliaia di stelle contenute in un volume all’incirca del diametro di cento anni luce. Fino a questo momento tali ammassi, che di solito contengono stelle molto anziane, si sono dimostrati “poveri” di pianeti. A parte un unico caso, negli ammassi globulari non sono ancora mai stati scoperti pianeti extrasolari. Secondo gli astronomi, la ragione sarebbe che in un ambiente così denso di stelle è assai duro distinguere la presenza di un pianeta, soprattutto se di dimensioni e massa simile alla Terra. Eppure, nei circa 150 ammassi globulari della Via Lattea si potrebbero nascondere delle “super Terre” o persino pianeti gemelli del nostro… Chi può dirlo?
Per gli amanti di Star Wars dico solo una cosa: abbiate fede, i vostri propropropropropropropronipoti potrebbero diventare… piloti dei ribelli!

Jacques Camajori Tedeschini
Classe 1A – Scuola Secondaria di 1° grado “Pieraccini” di Firenze

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it