spettacolo

Antonino Cannavacciuolo, lite al Salone del Libro

ROMA – Si è concluso ieri il terzo appuntamento del Salone del Libro. Tra gli appuntamenti della giornata, anche  la conferenza stampa dello chef stellato Antonino Cannavacciuolo, che ha presentato al pubblico il suo libro”Il piatto forte è l’emozione. 50 ricette dal Sud al Nord”, edito Einaudi.

887392_277604879038130_679143364_o

Non tutto però è andato come previsto: nel corso dell’ evento c’è stato uno spettatore che ha acceso la veracità del ‘2 stelle Michelin’ con una domanda provocatoria: “Ma è vero che i ristoranti di Cucine da Incubo, dopo il tuo passaggio, sono peggiorati o addirittura falliti?”. Il gestore del Ristorante Hotel Villa Crespi, non ha gradito l’affronto e ha risposto in maniera aggressiva: “Stai dicendo solo str**zate! Non hanno chiuso! Mi gioco quello che vuoi che non è così!”. Calmati gli animi, Cannavacciuolo ha dichiarato: “Raga’: Cucine da Incubo è un racconto! E io sto facendo televisione …Se ti dico che devi entrare in cucina alle sette del mattino e tu invece continui a presentarti a mezzogiorno, Cannavacciuolo non può farci niente!”

1403016_377357439062873_1397652508_o

Antonino Cannavacciuolo, classe 1975, nato a Vico Equense, si dimostra subito amante della cucina. Lo chef Antonino, o come lo chiamato Leonardo Pieraccioni, ‘Chef Canna’, è diventato celebre grazie alla sua partecipazione come ‘salvatore dei ristoranti perduti’ nel noto programma’ Cucine da incubo’ su Fox Life, e non solo. Infatti lo chef partenopeo ha rivestito il ruolo di giudice nell’ultima edizione del cooking show MasterChef Italia insieme a Carlo Cracco, Joe Bastianich e Bruno Barbieri. Nel corso della sua carriera di ristoratore è stato premiato con 2 stelle Michelin, 3 forchette della guida Gambero Rosso e 3 cappelli sulla guida de L’Epresso.