spettacolo

L’Iran accusa Kim Kardashian di essere un agente segreto per conto di Instagram

Kim KardashianRoma – E’ la star nata da un reality show più conosciuta al mondo, una modella e una donna in carriera. Il Governo Iraniano, crede però che Kim Kardashian debba aggiungere anche la voce ‘agente segreto’, alla sua lista di abilità personali.

Il regime autoritario, ha accusato la celebrità di lavorare come spia per conto di Instagram. I chierici del Governo, hanno accusato la ben nota esibizionista, di usare il social media per incoraggiare le giovani ragazze a rigettare le tradizioni conservatrici e sovvertire i valori islamici.

In un paese in cui le donne rischiano la prigione per non aver portato il velo, anche solo in una foto, l’ultimo selfie senza veli di Kim Kardashian l’ha resa la nemica numero uno dello Stato. Esponenti del Revolutionary Guards Corp, un’organizzazione nata con lo scopo di aiutare a proteggere le tradizioni Islamiche e prevenire interferenze straniere, si è chiesta quale fosse la vera ragione della popolarità di Kim. Conosciuta come ‘la polizia della moralità’, questa organizzazione crede che la donna trentacinquenne, madre di due bambini, sia stata reclutata dal direttore esecutivo di Instagram, Kevin Systrom, per prendere di mira ‘giovani donne e ragazze’ con l’intento di portarle ‘fuori strada’. “Ms Kim Kardashian è una modella e icona molto popolare, per questo crediamo che il direttore esecutivo di Instagram le abbia detto ‘Fai in modo che comportarsi come te, diventi una cosa normale’ “, ha detto Mostafa Alizadeh, un portavoce del gruppo militare.

Fonte www.nzherald.co.nz