attualita

Omofobia, con il Miur per una scuola inclusiva. Un sito ad hoc e il supporto degli esperti Ido

omofobiaROMA – Il rispetto dei diritti umani e delle libertà’ fondamentali, l’uguaglianza fra tutti i  cittadini e la non discriminazione. Questi i temi celebrati lo scorso 17 maggio in occasione della  Giornata internazionale contro l’omofobia indetta dall’Unione  Europea. Muovendosi su questa scia, il Ministero dell’Istruzione intende supportare le  istituzioni scolastiche fornendo agli insegnanti strumenti per il  proprio aggiornamento e la conoscenza del contesto giovanile, ma  anche agli studenti e alle famiglie spazi per potersi confrontare  sulle delicate questioni legate all’identità di genere e sulle diverse forme di discriminazione.

Sì, quindi, alla sperimentazione di nuovi spazi e metodi di  sensibilizzazione che sappiano sfruttare linguaggi e strumenti  più vicini al mondo degli studenti, per esempio attraverso  l’utilizzo dei linguaggi del cinema o del teatro e per affrontare  ad ampio spettro i temi del rispetto e della non discriminazione  anche in momenti di apprendimento non formale.  Il sito www.noisiamopari.it – curato dalla Direzione Generale  per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione – mette a  disposizione materiali di varia natura e strumenti didattici ed  ospita iniziative già realizzate da istituzioni scolastiche del  territorio divulgabili come “buone pratiche” da diffondere nelle  scuole. Inoltre per mantenere alta l’attenzione rispetto alle  possibili derive piu’ gravi delle diverse forme di  discriminazione, proprio come l’omofobia, il Miur ha sottoscritto un Protocollo d’Intesa  con l’Istituto di Ortofonologia per promuovere “progetti in  favore delle Scuole di ogni ordine e grado del territorio  nazionale, al fine di diffondere la cultura della prevenzione dei  comportamenti a rischio, della legalità, del rispetto dell’altro  e dell’integrazione sociale attraverso iniziative che accrescano,  nei giovani, il rispetto per gli altri e per loro stessi”.

Cosi’  tutta la comunità scolastica potrà avvalersi di un servizio di  messaggistica al numero 345-3916485 per segnalare casi e  verificare con gli esperti dell’IdO tutte le possibili forme di  intervento, prevedendo un raccordo costante con l’amministrazione  centrale e territoriale per verificare la possibilità di  effettuare interventi direttamente in collaborazione con gli  istituti scolastici stessi, anche in accordo con altri Enti e  Associazioni maggiormente impegnate nella lotta alle  discriminazioni. Ma non solo. E’ possibile rivolgersi agli  esperti dell’Istituto anche tramite indirizzo di posta  elettronica: [email protected]