fotogallery

Rimini, donna aggredita dal suo gatto: la salvano i vigili del fuoco

gattoROMA – Storie di violenza felina a Rimini, dove una donna e le sue due figlie hanno trascorso una notte di puro terrore barricate nella propria stanza da letto.
Il responsabile dell’aggressione è stato il loro gatto, letteralmente “impazzito”, come raccontato successivamente dalla vittima.
Erano circa le 5 del mattino quando i Vigili del Fuoco hanno risposto ad una chiamata incredibile: “Aiuto, il mio gatto mi sta aggredendo, venite a liberarmi. Fate presto, ho paura”.
Quello che sembrava uno scherzo telefonico si è rivelata essere una vera aggressione domestica.
Il gatto, una femmina che ha da poco avuto una cucciolata, nel cuore della notte è balzato sul letto della donna iniziando a graffiarla ripetutamente.
Non è bastato allontanarla: la furia felina era inarrestabile.
Così la “vittima” ha preso le sue due figlie e si è barricata nella stanza, poi la chiamata al 118.
All’arrivo dei soccorsi, il gatto è fuggito e di lui ancora nessuna traccia.

Sebbene sembri una barzelletta, non è la prima volta che si verificano nel mondo episodi di violenza felina documentati.

Nel 2014 divenne virale la storia di Lux, un himalaiano bianco e nero di 10 kg che prese “in ostaggio” la sua famiglia a Portland, USA.
Dopo aver graffiato il suo padroncino, il gatto perse il controllo costringendo i proprietari a rifugiarsi nella stanza e a chiamare il 911.
(CLICCA QUI PER APPROFONDIRE)

Circa 10 anni fa nel napoletano, un soriano di 12 kg di nome Ciccio aggredì il suo proprietario dopo aver trascorso una “notte di passione” con una gatta in calore.
L’uomo riportò profonde ferite al braccio e fu costretto a recarsi al pronto soccorso per le medicazioni.