fotogallery

Vuoi metterti a dieta? Allora gioca a Tetris: 6 curiosità sul gioco più famoso del mondo

Vuoi metterti a dieta? Smettere di fumare? Allora gioca a Tetris.
Il videogioco più famoso del mondo nasconde tanti annedoti che non avresti mai immaginato.
Il 6 giugno del 1984 Alexey Pajitnov sviluppò, in quella che allora era l’Unione Sovietica, un gioco chiamato Tetris.
Il puzzle game è stato portato su un PC di IBM nel 1985 diventando popolare tra i sovietici, e nel 1987 venne lanciato su PC negli Stati Uniti e in Europa, fino al 1989, anno in cui ottenne un successo internazionale dopo il rilascio su il Game Boy di Nintendo.
Quello che era iniziato come un semplice gioco, divenne il capostipite di una nuova realtà videoludica.
Ecco qualche simpatica curiosità.

tetris

1. Il nome “Tetris” non ha alcun significato specifico.
Si tratta semplicemente dell’unione delle parole “Tetra”, in greco 4 (ogni tetramino ha 4 blocchi) e Tennis, lo sport preferito dal creatore.

2. E’ stato dimostrato che Tetris ha effetti benefici sul cervello, incluso essere utile a chi cerca di smettere di fumare o di mettersi a dieta.

3. “Music A”, il tema musicale più famoso uscito con la versione del Game Boy, è un arrangiamento musicale di una canzone popolare russa chiamata “Korobeinki” del 19esimo secolo.

4. Molti studiosi si sono posti una domanda: si può vincere a Tetris?
Anche se i migliori giocatori possono arrivare lontano, è matematicamente dimostrato che ogni partita si concluderà con una sconfitta del giocatore (esclusa la vittoria per numero di righe completate).

tetris

5. Il gioco ha dato il nome all’Effetto Tetris, una condizione che può verificarsi quando qualcuno gioca per un periodo di tempo prolungato ad un videogame.
Dopo aver lasciato un gioco, questo occupa gran parte dei pensieri, delle immagini mentali e anche dei sogni dei giocatori.

6. Tetris è stato il primo videogioco ad essere utilizzato nello Spazio.
Un Game Boy con Tetris trascorse 196 giorni a bordo della stazione spaziale russa Mir nel 1993, a disposizione degli astronauti.