esteri

Michael Jackson, tornano a galla le accuse di pedofilia

michael jackson 2ROMA – È stato rilasciato negli scorsi giorni il rapporto della polizia di Santa Monica sulle perquisizioni fatte nel 2003 a nel castello-ranch in cui risiedeva abitualmente Michael Jackson, “Neverland”.

Neverland, quello che doveva essere la terrestre “isola che non c’è”, si è rivelato, come riporta il Daily Mail, un luogo di violenze e torture. Sono stati trovate in bagno e in camera da letto almeno sette raccolte di foto pedopornografiche, scene di nudità sia di adolescenti che di adulti, ed immagini di donne in posizioni sadomaso. Sono state rinvenute anche numerose droghe.

L’accusa di pedofilia aleggiava da tempo sull’immagine del re del pop, fin dal 2003, quando un bambino di 13 anni accusò la star di averlo molestato più volte, accuse cadute dopo un pagamento di 22 milioni di dollari alla famiglia. Jacko oggi è morto e non si potrà difendere dalle accuse, ma ora rischia di perdere l’immortalità che si era guadagnato con le sue canzoni.