spettacolo

Michael Jackson: JJ Abrams prepara una serie tv sul Re del Pop

ROMA – Una serie tv su Michael Jackson. È quanto riporta il magazine online Variety secondo cui J.J. Abrams starebbe lavorando alla rappresentazione televisiva degli ultimi giorni di vita del Re del Pop. La serie tv sarà ispirata da “Before You Judge Me: The Triumph and Tragedy of Michael Jackson’s Last Days”, il libro di Tavis Smiley con cui Abrams collaborerà nella stesura del copione.

michael jackson“Before You Judge Me: The Triumph and Tragedy of Michael Jackson’s Last Days” è “Una potente cronaca delle sedici settimane antecedenti alla morte del Re del Pop. – si legge nella sinossi del libro che sarà anche quella del telefilm –  Gli ultimi mesi di Michael Jackson sono stati come il resto della sua vita breve e leggendaria: ricchi di profondi bassi e crescenti alti, una costante caccia per la privacy, e la pressione e la fama che lo ha reso socialmente fragile e quasi – in ultima analisi – incapace di vivere.  Tavis Smiley offre uno sguardo alla vita della superstar in questo emozionante, onesto, eppure celebrativo libro”.

La serie tv non ha ancora un network o almeno non è ancora dato saperlo. Il progetto, comunque, sarà proposto alle emittenti televisive, a quelle via cavo e anche alle piattaforme di streaming. Mistero anche sugli attori che parteciperanno, per quelli bisogna ancora avere pazienza. Quello che è certo è che sarà prodotta da Warner Bros e Bad Robot e che Smiley e Abrams parteciperanno come produttori esecutivi, insieme a Ben Stephenson e David Brewington.

Quella su Michael Jackson non è la prima serie tv che Abrams e Smiley producono insieme. L’anno scorso i due hanno portato sul piccolo schermo un altro libro dello scrittore: “Death of a King: The Real Story of Dr. Martin Luther King Jr.’s Final Year”.

Michael Jackson, attualmente, è sotto l’occhio del ciclone per le accuse di pedofilia tornate a galla nei giorni scorsi. Secondo il Daily Mail, infatti, Neverland, l’isola che non c’è per il cantante si è rivelata un luogo di violenze e torture. Le accuse, diventate pubbliche nel 2003, segnano un duro colpo per tutti quelli che hanno seguito MJ nel corso della sua sfavillante carriera.