spettacolo

È donna il nuovo direttore creativo di Dior

direttore creativo di diorROMA – È donna il nuovo direttore creativo di Dior. Una rivoluzione all’interno della maison francese che, per la prima volta, non sceglie un uomo alla sua guida.

È Maria Grazia Chiuri ed è il volto storico di Valentino che ha guidato per ben 17 anni (8 da direttore creativo) insieme a Pierpaolo Piccioli. Con la sua nomina si placano, così, i rumors che da tempo la davano in pole position per il tanto ambito posto.

Maria Grazia coglie la sfida francese e si mette in gioco, abbandonando Piccioli che, per 25 anni, è stato sempre al suo fianco nella vita professionale.

“Sono pronta ad affrontare una nuova sfida professionale”, ha dichiarato la stilista,  “ho condiviso con Pierpalo Piccioli gran parte della mia vita professionale e l’esperienza in Valentino è stata ricca di successi creativi”.

L’incontro tra i due era avvenuto all’istituto europeo del design di Roma. Poi il “matrimonio artistico” celebrato con l’approdo a Fendi nel 1990.

“Dopo 25 anni di sodalizio creativo e di soddisfazioni professionali ci siamo dati l’opportunità di proseguire il nostro cammino artistico in modo individuale con l’augurio reciproco di ulteriori grandi successi”

Adesso con molta probabilità Pierpaolo Piccioli rimarrà l’unico direttore creativo di Valentino.

“Si apre una nuova entusiasmante fase per il brand sotto la leadership creativa di Pierpaolo Piccioli. – ha commentato Stefano Sassi, ad di Valentino – L’azienda è fortemente determinata a continuare il processo di affermazione e sviluppo realizzato negli ultimi anni. Tutto quello che abbiamo fatto in questi anni di rilevante sarebbe stato impossibile senza il talento, la determinazione e la visione di Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli che insieme hanno contribuito a fare di Valentino una delle aziende di moda di maggiore successo”.

direttore creativo di diorIeri, l’ultimo saluto della coppia creativa che è stata accolta con una standing ovation per la presentazione della collezione di alta moda autunno-inverno in stile elisabettiano e vagamente gotico.

Un plauso comprensibile dati i successi che la coppia Chiuri – Piccioli ha portato a Valentino. Dalla loro nomina a direttori creativi, infatti, la maison italiana ha quadruplicato i propri fatturati. Nel 2015 l’anno record con 987 milioni di euro guadagnati, un +48% rispetto al passato.

Il direttore creativo di Dior: il futuro di Maria Grazia Chiuri a capo della maison

Maria Grazia Chiuri sarà presto insediata in Dior, prendendo il posto lasciato vacante da Raf Simons. Inizialmente, quest’ultimo era stato prontamente sostituito da Lucie Meier e Serge Ruffieux ma gli scarsi risultati ottenuti hanno portato a un cambio di rotta. La Chiuri è la seconda stilista italiana a prendere le redini di Dior. Il primo fu Gianfranco Ferrè, direttore creativo dal 1989 al 1996.

Il nuovo “comandante” sarà subito messo alla prova. La collezione disegnata dalla Chiuri verrà presentata durante la settimana del pret-a-porter di Parigi il prossimo 30 Settembre. Un’estate soltanto, quindi, per ricreare lo stile Dior. Uno stile che affonderà nel Made in Italy per rinnovarlo e fonderlo con il dna della maison francese.