pokemon go

Pokémon Go tra rapine, cadaveri e strani incidenti

Tra rapine, incidenti e cadaveri Pokémon Go potrebbe essere eletto “gioco più pericoloso del mondo”.
E intanto la data di rilascio in Italia rischia di slittare…

pokemon pikachu

ROMA – Successo e rischio vanno spesso di pari passo: questo potrebbe essere il caso anche di Pokémon Go.
Lo straordinario gioco di realtà aumentata lanciato da Nintendo per smartphone ha riscosso consensi unanimi laddove è stato rilasciato.
Eppure, Pokémon Go potrebbe essere eletto gioco più pericoloso del mondo.
E non ci riferiamo solo ai rischi da dipendenza.
Entrando nel concreto, tra rapine, malware e pedofilia, Pokémon Go potrebbe aver aperto una nuova porta verso la criminalità, in tutti i sensi.

Pokémon Go rapine e pedofilia

A pochi giorni dal lancio negli USA, c’è chi ha sfruttato Pokémon Go per compiere rapine ai danni dei ragazzi.
Utilizzando la app, un gruppo di giovani tra i 16 e i 18 anni armati di pistola, ha attirato e rapinato 11 vittime.
Con Pokémon Go, infatti, è possibile cercare di catturare i Pokémon nella realtà, anche aiutati da altri giocatori.
Così, i giovani criminali, hanno atteso l’arrivo di 11 malcapitati, minacciandoli con la pistola.
La banda è stata arrestata dalla polizia di O’Fallon, Missouri, che ha messo in guardia i gioccatori dall’utilizzo dell’app.

Per lo stesso motivo con cui Pokémon Go è diventato strumento dei ladri, le autorità temono che i pedofoli possano utilizzare l’app per adescare minori.

pokémon go cadaverePokémon Go, il malware che infetta gli smartphone

Sebbene in Italia e Europa non sia stato ancora rilasciato, in molti sono a conoscenza degli APK, file per dispositivi Android in grado di riprodurre le app ancora non rilasciate nel proprio Paese.
Così, tantissimi utenti impazianti hanno scaricato uno o più APK per giocare prima dell’uscita ufficiale.
Il risultato?
Alcuni di questi file nascondono dei malware che infettano gli smartphone e, come al solito, rubano i dati personali dell’utente.
In questo caso è un DroidJack (SandroRAT), un tipo di malware utilizzato per controllare il dispositivo da remoto.
Tuttavia c’è un modo per riconoscere l’APK infetto.

Per sapere se avete installato l’apk infetto, dovete andare nelle informazioni riguardanti l’app, e controllare i permessi consentiti alla suddetta. La versione “sana” del gioco richiede i seguenti permessi:

Controllando le info dell’app appena installata, NON devono assolutamente esserci questi permessi:

Lettura dei preferiti e della cronologia web
Connessione e disconnessione Wi-Fi
Lancio dell’applicazione all’avvio del telefono

Pokémon Go e i rischi per la salute (fisica)

Non parleremo di dipendenza da Pokémon Go, perché come tutti i giochi di successo, è un fatto conclamato.
Ma per la sua particolarità la app è legata anche al rischio concreto di danni fisici.
A pochi giorni dal rilascio, molti utenti sono andati incontro a situazioni pericolose.
Maldestri e disattenti ai pericoli che li circondano, diversi giocatori hanno riportato piccoli incidenti, come cadute accidentali, scontri con muri e pali della luce, o anche con altre persone, fino al rischio di essere investiti da auto.
Il tutto per cercare di acchiappare un Pokémon.
Al momento non si sono verificati episodi gravi, ma la paura di incidenti seri per distrazione è in agguato.

pokémon go

Pokémon GO aiuta a trovare un cadavere

E’ della scorsa domenica la notizia del ritrovamento di un cadavere tramite Pokemon Go.
Shayla Wiggins, 19 anni, cercava di catturare un Pokémon quando si è imbattuta in un cadavere galleggiare in un lago della città di Riverton.